Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Magen David Adom Italia, installato un defibrillatore nel Tempio Or Yehuda

    Installato un defibrillatore nei
    locali del Tempio Or Yehuda, a Roma. L’importante donazione
    è avvenuta da parte dell’Associazione Amici del Magen David Adom Italia,
    nell’ambito di un progetto di diffusione dei defibrillatori nelle principali
    comunità ebraiche italiane, reso possibile anche dal contributo dei fondi della
    raccolta 8×1000 dell’UCEI.

    All’evento hanno preso parte il
    Presidente della Comunità Ebraica di Roma, Ruth Dureghello, l’Avv. David Jona
    Falco, Consigliere UCEI, il Dott. Cesare Efrati, responsabile del Magen David
    Adom a Roma, Rav Ronnie Canarutto del Tempio Or Yehuda, il responsabile Huani
    Mimun e alcuni frequentatori e volontari.

    “Avere a disposizione i
    defibrillatori è importantissimo perché negli eventi aritmici poter intervenire
    nei primi minuti è determinante per salvare delle vite – ha detto il Dott.
    Efrati – I defibrillatori sono un presidio fondamentale non solo per un luogo
    affollato come può essere il Tempio, specialmente nei moadim, ma ne viene
    informato il 118 che sa dov’è stato installato il defibrillatore e può
    intervenire e soccorrere anche nelle adiacenze”.

    Inoltre, il Magen David Adom
    vuole sensibilizzare le persone della comunità a donare per l’associazione, che
    è la banca del sangue in Israele e da sempre in prima linea nelle grandi
    emergenze internazionali. “Mettere un defibrillatore in un Tempio – ha aggiunto il Dott. Efrati – va a
    ricordare alle persone che anche in occasione di eventi lieti come un
    matrimonio o un bar mitzvà si possono raccogliere delle offerte per questa associazione, che salva vite umane nel mondo, qui in Italia e soprattutto in
    Israele”.

    CONDIVIDI SU: