Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Oberdan Bardoni, Giusto tra le Nazioni. Il riconoscimento per aver salvato la famiglia Di Veroli

    Un padre, una madre, sette figli, che hanno fatto figli a
    loro volta, fino a comprendere una lista di oltre cinquanta vite umane. Tutte
    queste persone devono la loro esistenza ad un uomo, Oberdan Bardoni, premiato
    dall’Istituto per la Memoria dei Martiri e degli Eroi dell’Olocausto ‘’Yad
    Vashem’’ con la medaglia di ‘’Giusto tra le Nazioni’’, per aver nascosto,
    nutrito e difeso all’interno della propria casa la famiglia Di Veroli fino alla
    fine della Seconda Guerra Mondiale. A raccogliere l’onorificenza i figli di
    Bardoni, alla presenza di Ariel Bercovich, Consigliere per gli Affari Pubblici
    dell’Ambasciata d’Israele in Italia, Ruth Dureghello, Presidente della Comunità
    Ebraica di Roma, Mario Venezia, Presidente della Fondazione ‘’Museo della
    Shoah’’, Bruno Sed, Presidente del Centro Ebraico ‘’Pitigliani’’. Tra il
    numeroso pubblico i salvati e i loro discendenti, oltre che numerosi ragazzi
    provenienti dal Liceo ‘’Renzo Levi’’, dal Convitto Nazionale ‘’Vittorio
    Emanuele II’’ e dal Liceo ‘’Leonardo da Vinci’’ di Maccarese.

    ‘’Le persone come Oberdan Bardoni sono persone oneste, rette,
    che hanno scelto di fare la cosa giusta, non per vantaggio personale, ma per il
    senso di giustizia che era nei loro cuori – afferma Bercovich -. Bardoni ha
    compreso di poter fare una scelta, dimostrando a tutti noi che anche una sola
    persona può fare la differenza. Messo di fronte al bivio tra il bene e il male
    ha scelto il bene e ha scelto la vita. Questo esempio di Giusti come lui è una
    candela che illumina il nostro cammino. Sia benedetta la loro memoria.’’

    Lo Stato d’Israele, dal giorno della fondazione, ha assunto
    l’impegno di ricordare gli orrori della Shoah, per rendere eterno il ricordo
    per le generazioni a venire. Israele, però ha scelto di conservare anche la
    Memoria di quelle persone che, anche nel pieno del male assoluto, non sono
    rimaste indifferenti alla sofferenza e al dolore umano. Sulla base di tre
    principi fondamentali ‘’Yad Vashem’’ assegna la medaglia di ‘’Giusto tra le
    Nazioni’’: i premiati sono non ebrei che hanno salvato la vita ad ebrei durante
    la Seconda Guerra Mondiale, a rischio della propria vita e senza ricevere alcun
    tipo di compenso monetario per quanto fatto. Questi sono inseriti con una stele
    commemorativa anche all’interno del ‘’Giardino dei Giusti’’, che si trova
    all’interno dello stesso ‘’Yad Vashem’’.

    ‘’Quello che il sig.Bardoni ha fatto 75 anni fa potrebbe
    essergli sembrata una cosa semplice, normale, come dovrebbe essere salvare una
    vita. – dice Ruth Dureghello, commossa – Ma se pensate all’indifferenza che
    regnava il suo gesto è veramente qualcosa che va oltre l’eroismo, quasi di una
    moralità divina, una moralità che dovrebbe appartenere a tutti noi, ma che
    purtroppo non fu di quell’epoca. Non era facile come a volte non è facile
    nemmeno oggi prendere una decisione e sapere quale è la parte del giusto. A voi
    qui oggi viene lasciata un’eredità bellissima da raccogliere, l’eredità
    dell’umanità, il bene dell’altro. Prima e sopra di tutto, a qualunque costo.’’

    Dopo i discorsi istituzionali è stato mostrato un filmino
    montato dal Liceo ‘’Leonardo da Vinci’’, che ha mostrato il proprio ‘’Parco
    della Memoria’’, dove sono stati piantati anche numerosi ulivi dai quali gli
    studenti raccolgono il cosiddetto ‘’Olio dei Giusti’’, che vendono donando il
    ricavato in beneficienza. Nel video viene poi mostrato il corridoio del Piano
    Terra dell’Istituto, dove si trova la mostra permanente sui ‘’Giusti tra le
    Nazioni’’.

    Durante l’evento c’è stato poi spazio per i discorsi di Leone
    e Rosina Di Veroli, due tra i fratelli salvati, e di Marisa e Rossana Bardoni,
    figlie del salvatore, che hanno ricordato la bontà e l’umanità di Oberdan,
    raccontando circostanze dove a più riprese ha rischiato la propria vita e
    quella dei suoi cari pur di nascondere i Di Veroli, dimostrandosi capace di
    creare un nucleo allargato all’interno della quale ognuno ha sempre rispettato
    usi e costumi dell’altro, lasciando la possibilità a chi mangiava kasher e
    rispettava le feste ebraiche di continuare a farlo con serenità.

    ‘’Oberdan ha messo a repentaglio la vita della sua famiglia,
    e la sua famiglia in questo lo ha aiutato e sostenuto – sottolinea Mario
    Venezia –      Facile fare le scelte al
    giorno d’oggi, ma a quei tempi sbagliare sarebbe costato la vita propria e quella
    dei propri figli. Mi colpisce moltissimo il legame forte tra salvati e
    salvatori: questo è il più grande riconoscimento che ci può essere, anche per
    chi si occupa di Shoah, intendendola non solo come Memoria, ma anche come
    attualità.”

    CONDIVIDI SU: