Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Roma ricorda Elio Toaff. Giovedì 31 ottobre ore 9: cerimonia di intitolazione della strada

    Roma avrà una via dedicata a Elio Toaff. Giovedì 31 ottobre, alle ore 9, la Sindaca di Roma Virginia Raggi, la Presidente della Comunità Ebraica di Roma Ruth Dureghello e il rabbino capo di Roma Riccardo Di Segni scopriranno la targa toponomastica in memoria di Elio Toaff, Rabbino Capo di Roma dal 1951 al 2001. Il tratto stradale che prenderà il suo nome è su via del Tempio, nella parte compresa tra via Catalana e via del Portico di Ottavia.

    “Siamo orgogliosi e felici di dedicare a Elio Toaff questa via di Roma nel cuore dell’antico quartiere ebraico. Toaff è stato un grande uomo che ha contribuito a rendere migliore la nostra città e il nostro Paese. La strada che gli dedichiamo è un segno, una testimonianza della nostra gratitudine e ammirazione”, dichiara la Sindaca di Roma Virginia Raggi.

    “Quella di Elio Toaff è stata una figura straordinaria di questo Paese. Sin da giovane quando aderì alla Resistenza e poi per oltre cinquant’anni come Rabbino Capo di Roma ha saputo rappresentare i valori ebraici nella società italiana contribuendo a far rinascere la nostra Comunità devastata dopo le persecuzioni e la tragedia delle deportazioni. L’intitolazione di una via a sua indelebile memoria è il giusto tributo a un uomo che ha speso tutta la sua vita al servizio dei più deboli”, dichiara Ruth Dureghello, presidente Comunità Ebraica di Roma. 

    “Rav Elio Toaff con i suoi 50 anni di rabbinato a Roma ha segnato un’epoca, ha guidato la ricostruzione faticosa dopo la Shoà, ha dato speranza, forza e dignità all’ebraismo romano”, afferma Riccardo Di Segni, rabbino capo di Roma.

    CONDIVIDI SU: