Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Una storia d’argento: la nuova acquisizione del Museo Ebraico di Roma

    Il Museo Ebraico di Roma
    rappresenta lo scrigno dell’eredità storico-artistica della Comunità Ebraica
    Romana. È attraverso gli oggetti che il museo dialoga con i visitatori di tutto
    restituendo loro la storia bimillenaria della Comunità capitolina. Oggetti dalla
    bellezza mozzafiato, linee eleganti che raccontano store uniche. Oggetti
    cerimoniali e liturgici che spesso tornano a casa dopo tempo, arricchendo
    ulteriormente la collezione unica del Museo. Una collezione che si è arricchita
    ulteriormente, con la recente acquisizione, presentata martedì, di importanti argenti cerimoniali ebraici romani del XVII secolo. Si tratta di un set
    straordinario di Rimmonim e corona per il rotolo della Torah, datati 1642-1656
    e realizzati
    dal famoso orafo Corinzio Colleoni.

    Gli argenti di Colleoni,
    realizzati a Roma negli anni di Papa Innocenzo X Pamphili, raccontano non solo
    una parte di storia della Comunità ebraica del tempo, ma anche il panorama
    artistico generale della Roma di quegli anni d’oro. Riportando alla luce un
    tesoro dal valore immenso.

    “L’acquisizione di questi
    oggetti è importante non solamente per il Museo e per l’arte ebraica italiana,
    ma per la storia dell’arte in generale. Questo perché si tratta di oggetti
    estremamente belli e fastosi, collocabili in un arco cronologico preciso, e
    realizzati da Colleoni, orafo di nota fama che aveva eseguito per le scole (sinagoghe)
    anche altri oggetti cerimoniali – ha spiegato a Shalom la Professoressa Dora
    Liscia Bemporad – Si tratta di opere di grande qualità artistica e storica. Una
    qualità che abbiamo in parte ricostruito attraverso i documenti presenti
    sull’oggetto, cioè i marchi ei Punzoni di garanzia. Grazie alla ricerca dei
    documenti realizzata con Davide Spagnoletto sono emersi notevoli spunti di
    ricerca, che hanno risultati estremamente interessanti” ha concluso.

    Si tratta di arredi cerimoniali ebraici dalla linea elegante
    e multiforme, acquisiti da una serie di donatori e da oggi conservati al Museo
    Ebraico di Roma. “Questi argenti sono incredibilmente importanti per la storia
    dell’argenteria ebraica romana e italiana. Perché eseguiti molto presto, alla
    metà del XVII secolo, quando a Roma regnava un papa importante per la storia
    dell’arte come Innocenzo X Pamphili. Fra l’altro, gli argenti presentano il
    marchio di Corinzio Colleoni, argentiere considerato tra i grandissimi maestri
    di quegli anni, un vero maestro leggendario. Si tratta dunque di
    un’acquisizione importantissima per il già ricco Museo Ebraico di Roma” ha
    aggiunto la Presidente della Fondazione per il Museo Ebraico di Roma Alessandra
    Di Castro.

    [GALLERY]

    CONDIVIDI SU: