Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Yom Hazmauth. Festa a Roma per i 71 anni di Israele

    Musica,
    tanta bella musica, dalla pop alla quella folkloristica, da quella classica a
    quella lirica. E poi ovviamente le esibizioni canore, con balli e danze. Così
    si può sintetizzare la festa che la Comunità ebraica di Roma ha organizzato –
    come ogni anno – per celebrare in allegria Yom Hazmauth, il Giorno dell’Indipendenza
    dello Stato di Israele. Un’evento iniziato qualche ora prima con una tavola
    rotonda, condotta dal direttore di Shalom, Giacomo Kahn, sulle relazioni tra
    Italia e Israele cui hanno partecipato i giornalisti Claudio Pagliara, Daniele
    Scalise, Fabiana Magrì e l’economista Francesco Russo. Evento poi proseguito
    nel tempio maggiore dove è stato suonato lo shofar che ha dato quasi il segnale
    dell’inizio della festa svoltasi in modo gioioso, anche grazie all’ampio
    schieramento delle forze dell’ordine che hanno assicurato che tutto si
    svolgesse nella massima tranquillità e sicurezza. Un festa allietata quest’anno
    (il 71° anniversario) dalla conduzione gioiosa e molto sbarazzina di Jonatan Kashanian
    – volto noto della televisione italiana – che sul palco ha presentato gli
    ospiti e le Autorità: l’ambasciatore di Israele in Italia Ofer Sachs, il
    sindaco di Roma Virginia Raggi, il rappresentante della Regione, il presidente
    della Comunità Ruth Dureghello, il rabbino capo rav Riccardo Di Segni. Dopo i
    saluti d’obbligo, sul palco sono diventati protagonisti con diverse esibizioni i
    giovani e i ragazzi della Comunità, dei movimenti giovanili, delle scuole
    ebraiche e dell’associazione Simchà Layeled; poi gli inni nazionali (eseguiti
    dal tenore Claudio Di Segni e dalla mezzo soprano Reut Ventoreno), e poi l’invito a fare musica attraverso l’associazione onlus ‘Suoniamo Insieme per Alisa’. Festa che si è conclusa con l’esibizione della band di Benny Fadlun che ha fatto ballare
    fino a notte tarda i circa mille partecipanti alla festa.

    CONDIVIDI SU: