Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    100 sconosciuti partecipano alla sepoltura ebraica per un uomo in una piccola città dell’Alaska

    Jules Claven, ha vissuto per decenni a contatto con orsi, alci, e pecore a Soldotna, una piccola città dell’Alaska. Molto lontano dalla comunità e dalla vita ebraica.

     

    Nel suo ottantesimo anno, ormai malato terminale, Claven ha chiamato l’Alaska Jewish Campus, con un unico desiderio: “Mi restano tre settimane”, ha detto al rabbino Levi Glitsenstein, che ha risposto al telefono. “Non ho una famiglia con me e nonostante  non sono mai stato coinvolto nella comunità ebraica, voglio davvero essere sepolto con la mia gente. Rabbino, puoi aiutarmi?”

     

    Il rabbino promise a Claven che avrebbe fatto il possibile per organizzare una sepoltura ebraica.

     

    Per le tre settimane successive, Claven chiamò il rabbino a giorni alterni. Nel corso delle loro conversazioni, Clavin si è raccontato al rabbino, condividendo il suo nome ebraico, Yosef ben Eliezer HaKohen, e i ricordi della sua infanzia ebraica nel New England.

     

    Claven, medico terapeuta, ha vissuto a lungo tra Miami e Soldotna, ma negli ultimi anni aveva fatto dell’Alaska la sua casa.

     

    “Rabbino, ti assicuri di venire a prendermi?” chiedeva preoccupato. Ad ogni telefonata, la sua voce diventava sempre più bassa e debole, ma la domanda rimaneva la stessa.

     

    Anche se non viveva tra ebrei e non frequentava la comunità da molto tempo, Claven ricordava a memoria la preghiera dello Shema in ebraico.

     

    Il 20 luglio è deceduto. Secondo le sue ultime volontà, i suoi resti sono stati portati ad Anchorage, in Alaska, dove il rituale funebre è stato eseguita dai membri della Seattle Chevra Kadisha, che sono arrivati ​​in aereo per il funerale.

     

    Il 22 luglio, circa 100 ebrei si sono riuniti nella sezione ebraica dell’Anchorage Memorial Park Cemetery per dargli un ultimo saluto.

     

    Oltre ai rabbini Chabad, il gruppo comprendeva membri della comunità locale, turisti e persino studenti di una yeshivah itinerante.

     

    Nessuno tra le persone aveva mai incontrato il defunto, eppure era considerato uno di famiglia, un fratello ebreo.

     

    Questa mitzvah speciale di prendersi cura e onorare i morti è chiamata nel mondo ebraico “chesed veeemet – gentilezza della verità”, dice Rav Glitsenstein.  Questo atto è considerato una delle massime mitzvot altruistiche, poiché il defunto non è più in grado di esprimere il suo apprezzamento pee il gesto ricevuto. “A suo nome, voglio ringraziare i membri della nostra comunità che si sono uniti a noi, e che hanno tratto insegnamento da questa storia”.

    CONDIVIDI SU: