Skip to main content

Ultimo numero Maggio-Giugno 2024

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Covid: rabbino Di Segni, gettati nella parziale impotenza umana. "Limiti e potenzialità emerse in pandemia"

    Con il Covid-19, “siamo stati improvvisamente gettati nella coscienza della nostra parziale impotenza. Eravamo abituati che si potesse curare tutto o quasi tutto, e che con la tecnologia potessimo superare i problemi”. A dirlo è Riccardo Di Segni, rabbino capo di Roma, intervenendo al webinar “Approcci innovativi tra etica e morale al tempo della pandemia – Confronto medico scientifico e riflessioni sul diritto alla cura per la vita”. “La pandemia – ha aggiunto – ci ha rimesso nella situazione di dover pensare che abbiamo dei limiti. Tuttavia, non solo abbiamo dei limiti, ma anche delle enormi potenzialità. Con la pandemia è successo che a differenza di altre malattie per le quali non è stata ancora trovata una cura o un vaccino, in capo a pochi mesi un vaccino è stato reso disponibile. Rispetto a queste situazioni abbiamo un quadro già prefigurato nel Libro dei Salmi: l’uomo piccolo ma poco inferiore a Dio, cioè grandezza e miseria dell’uomo. Sono concetti ai quali non si pensa normalmente e la pandemia ha portato molto a farci pensare su questo”. (ANSA). 

    CONDIVIDI SU: