Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Israele: nei prossimi giorni al via il vaccino per i bambini 5 – 11 anni

    “Sono i
    bambini che ce lo chiedono, e fanno appello al nostro senso di responsabilità.
    Come adulti e come genitori”. Arnon Shahar, capo della task-force anti-Covid
    della cassa mutua israeliana Maccabi, accoglie con convinzione la decisione di
    Israele – che segue quella già assunta negli Usa – di autorizzare, a partire
    dai prossimi giorni, la vaccinazione per la fascia di età tra i 5 e gli 11
    anni.

    I dati
    pubblicati da Pfizer, e diffusi dal direttore generale del ministero israeliano
    della Sanità Nachman Ash, dimostrano che il vaccino nei bambini ha una
    efficacia del 91%. E secondo la maggior parte degli esperti israeliani
    interpellati sulla questione, il beneficio, a quell’età, supera i possibili
    rischi. L’immunizzazione non sarà obbligatoria. Il successo della campagna
    vaccinale sui più piccoli dipende quindi dalla capacità di convincere le
    famiglie. “I nostri figli, in questo momento, vedono che noi stiamo tornando
    alla vita normale, e loro no – sostiene Shahar -. Perché noi siamo vaccinati, e
    loro no”. “Come tranquillizzare i genitori e spiegare alla gente la necessità
    di vaccinare anche i bambini? – si chiede allora il direttore del Maccabi – È
    semplice, con i numeri”.

    Numeri che,
    in Israele, in questa fase calante, sono in picchiata. Ieri sono stati rilevati
    390 contagi su 73 mila tamponi. I malati gravi sono 145. Negli ultimi sette
    giorni si sono avuti in tutto 16 decessi: il 30% in meno rispetto alla
    settimana precedente. Ieri mattina il premier Naftali Bennett, al termine della
    riunione settimanale del gabinetto di governo, ha speso alcune parole a
    proposito della situazione. “Il coronavirus – ha detto – sta impazzendo in
    tutto il mondo, specialmente in Europa, dove attualmente vengono battuti i
    record di morbilità. Ci sono paesi in Europa, come i Paesi Bassi e l’Austria,
    che stanno tornando a restrizioni e blocchi, mentre qui nello Stato di Israele
    è tutto aperto. Ma non possiamo riposare sugli allori. Dobbiamo continuare a
    monitorare da vicino la situazione e continuare a seguire rigorosamente le
    direttive”. Il capo del governo ha concluso assicurando gli israeliani che, se
    non lui stesso, sarà sua moglie a portare il loro figlio più piccolo David a
    vaccinarsi il prima possibile.

     

    CONDIVIDI SU: