Skip to main content

Ultimo numero Marzo-Aprile 2024

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    “La guerra dei 6 giorni non terminò con mio padre”

    Nel suo libro “La Guerra dei 6 giorni non terminò con mio padre” Alan Davìd Baumann ripercorre le vicende del padre Alberto. Nato nel ’33 a Milano, passò l’infanzia a Montecatini Terme, dove presto dovette subire le leggi razziali che a soli 5 anni lo espulsero da scuola. Negli anni ’50 arriva a Roma, dove frequenta ambienti intellettuali molto stimolanti e conosce l’artista Eva Fischer, destinata a diventare sua moglie, nonché madre di Alan. Nel 1967 sente il richiamo da Israele: quando scoppia la guerra, si affretta a partire per dare il suo contributo nella difesa dello Stato ebraico. Arriva il settimo giorno, ma resta alcune settimane per contribuire alla ricostruzione postbellica. Tornato in Italia, sente l’esigenza di parlare al mondo esterno: insieme ad alcuni amici e colleghi crea Shalom, il giornale della Comunità Ebraica di Roma. Nel suo libro, Alan Baumann oltre a raccontare alcuni passaggi salienti della vita del padre, propone attraverso articoli, lettere, poesie e tanti altri materiali una serie di riflessioni su Israele e l’antisemitismo, sottolineando che la guerra dei 6 giorni non è finita nel 1967. 

    CONDIVIDI SU: