Skip to main content

Ultimo numero Maggio-Giugno 2024

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Da Salonicco a Napoli: ecco la pizza di melanzane

    Molti ma molti anni fa dopo una piccola parentesi milanese tornai a vivere nella mia bella Napoli. Da giovane sposa ero ancora abbastanza acerba in tema di cucina, diciamo pure un disastro, e mi barcamenavo come potevo tra la mancanza di tecnica ed una casa sempre aperta ad ospitare viandanti. Mi sono dovuta rimboccare le maniche e lentamente sono migliorata a tal punto da capire quanto il cibo fosse per me una grande passione.

    Durante i primi bui anni ricorrevo spesso a membri della mia famiglia alla ricerca di idee semplici da realizzare ma che al tempo stesso mi facessero sembrare abbastanza brava.

    Soprattutto volevo riuscire a portare in tavola sapori della mia tradizione familiare e per fare questo ho dovuto spesso ricorrere all’aiuto di una mia zia detentrice di antiche ricette e soprattutto ottima cuoca.

    Parte della mia famiglia proviene da Salonicco, terra di tzaziky e di moussaka, dove le melenzane sono un ingrediente importantissimo, e nel caso della cucina ebraica spesso un sostituto della carne.

    In casa Gallichi Modiano si cucinava la pizza di melanzane. Probabilmente in origine il nome della ricetta non doveva essere pizza, ma l’incontro con la cultura culinaria partenopea ne ha trasformato l’etichetta ma non la sostanza. Ho fatto molte ricerche sul web e questa ricetta non compare in nessun archivio. La condivido con voi, previa autorizzazione della suddetta zia, sperando di portare sulla vostra tavola un po’ di Jewish Greece.

     

    n.b. In molte case italiane le ricette si tramandano con un’unità di misura molto accurata chiamata “ad occhio”. Le dosi di questa ricetta sono da interpretarsi “a sentimento”

     

    INGREDIENTI: 

    Per l’impasto:

    1,5 tazzine da caffè di olio di oliva

    3 tazzine di Acqua

    Una manciata di sale grosso

    Farina q.b.

     

    Per il ripieno:

    1 kg di melanzane arrostite intere e pelate

    Parmigiano

    2 uova intere


    PREPARAZIONE:

    La prima cosa da fare è arrostire le melanzane intere su una fiamma o al forno e poi pelare. Quando la polpa sarà fredda schiacciatela con una forchetta ed aggiungete il parmigiano, le uova ed un pizzico di sale.

     

    In un pentolino mettete l’acqua e l’olio e appena bolle aggiungete il sale.

     

    A questo punto iniziate ad aggiungere la farina girando energicamente con un cucchiaio di legno. Ne aggiungete fino a quando l’impasto diventa compatto ed elastico.

     

    Lo trasferite su di un piano di lavoro e ne utilizzate 2/3 per ricoprire una teglia tonda dai bordi bassi precedentemente imburrata.

     

    Ci versate dentro il ripieno di melanzane e coprite con delle strisce di impasto.

     

    Spolverate con altro parmigiano ed infornate a 180 fino a quando il ripieno si sarà scurito e la pasta dorata.

    CONDIVIDI SU: