Skip to main content

Ultimo numero Maggio-Giugno 2024

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Johnny Depp pronto a dirigere un film sul pittore ebreo italiano Modigliani

    Cavalcando l’ondata di notorietà da tabloid, dopo aver vinto la sua super pubblicizzata causa per diffamazione contro l’ex moglie Amber Heard, Johnny Depp ha in programma di dirigere un film biografico su una figura alternativa e tormentata: il pittore ebreo italiano Amedeo Modigliani. La star dei “Pirati dei Caraibi” sta collaborando con l’attore Premio Oscar Al Pacino per produrre il film, che sarà adattato dall’opera teatrale del 1979 Modigliani di Dennis McIntyre. Racconterà la vita dell’artista, i cui ritratti e sculture di donne parigine (spesso nude, con volti e arti allungati) lo hanno reso famoso postumo nel mondo dell’arte all’inizio del XX secolo.

    “Sono onorato di portare sullo schermo la storia della vita di Modigliani” ha detto Depp in una nota. “È stata un’esistenza di grandi difficoltà, ma alla fine vi è stato il trionfo: una storia universale, umana, in cui tutti gli spettatori possono identificarsi”. La produzione è stata segnalata per la prima volta dall’Hollywood Reporter. Non è stato ancora fatto alcun annuncio sul casting, ma dato che l’artista morì prematuramente a 35 anni di tubercolosi, sembrerebbe essere poco probabile che il ruolo di Modigliani venga interpretato dallo stesso Depp, 59 anni, o da Pacino, 82 anni.

    Nato a Livorno nel 1884 da famiglia ebrea sefardita, “Modi” visse una breve vita segnata da continue malattie, abuso di droghe e alcol e un gran numero di amanti, tra cui la pittrice Jeanne Hébuterne, che, incinta di otto mesi del figlio, commise suicidio il giorno dopo la sua morte. Sebbene abbia completato centinaia di dipinti e sculture, Modigliani non incontrò né il successo né alcun riconoscimento fino a dopo la sua morte, nel 1920. Il pittore ha esplorato solo occasionalmente temi ebraici, come nel famoso dipinto del 1908, “L’ebrea”. Tuttavia, secondo i suoi biografi e gli storici dell’arte, l’artista è sempre stato molto consapevole della sua identità ebraica. Quella stessa identità è stata esplorata in una mostra del 2017 al Museum of Jewish Heritage di New York.

    Il film di Depp sarebbe il quarto film biografico su Modigliani. Una pellicola del 2004, interpretata da Andy Garcia, venne subito scartata dalla critica, assieme ai commenti del New York Times che lo definirono “catastrofico”. Insieme ad un ruolo già annunciato nei panni di Luigi XV in un film biografico in arrivo sull’amante reale Jeanne du Barry, Depp spera di utilizzare il film di Modigliani per ritornare in grande stile a Hollywood dopo un processo per diffamazione contro la sua ex compagna Amber Heard, che ha diviso l’industria dell’intrattenimento e l’opinione pubblica per mesi.

    CONDIVIDI SU: