Skip to main content

SPECIALE PESACH 5784

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Inaugurata una lapide commemorativa delle vittime dell’Inquisizione a Porto

    È stata inaugurata di recente dalla comunità ebraica di Porto, in Portogallo, una grande lapide in ricordo delle vittime locali dell’Inquisizione. Installata sul muro esterno del Museo Ebraico, riporta i nomi delle 842 vittime della città portoghese, d’età compresa tra i 10 e i 110 anni.

    La comunità ebraica di Porto, che oggi conta circa mille persone, ha impiegato diversi anni per identificare coloro che furono uccisi o espulsi dal 1536 al 1821 a causa dell’Inquisizione. 

    Accanto a ogni nome è incisa la data dell’’autodafé’, lett. ‘atti di fede’ – le cerimonie pubbliche durante le quali venivano proclamate le sentenze di condanna dei ‘colpevoli’, che poi erano eseguite: alcuni erano mandati al rogo, altri imprigionati e torturati, altri espulsi o costretti a indossare il ‘sambenito’ – un umiliante abito sul quale erano presenti croci o diavoli e fiamme – e un copricapo a punta detto ‘corazo’. Di solito le cerimonie avvenivano nelle piazze pubbliche più grandi del Portogallo. 

    La realizzazione dell’imponente opera commemorativa – larga 4 metri e lunga 2 –   è stata facilitata dalla digitalizzazione dei documenti da parte dell’Archivio Nazionale di Lisbona. “Negli ultimi anni, c’è stato un grande sforzo per inserire tutti i documenti online. – ha detto Michael Rothwell, direttore del Museo Ebraico di Lisbona al JTA – La nostra comunità sostiene il recupero di tutti i fascicoli che stanno andando in rovina. Quelli che erano in buone condizioni sono stati scansionati e messi online, così siamo riusciti a fare le ricerche per trovare gli ebrei durante l’Inquisizione che provenivano da Porto”. 

    Il prossimo anno la comunità ebraica ha intenzione di pubblicare un libro sulle storie delle 842 vittime.

    Negli ultimi decenni sono fiorite diverse istituzioni ebraiche a Porto. La città ha beneficiato di un crescente interesse in parte dovuto anche alle leggi del 2015, che hanno permesso ai discenti degli ebrei sefarditi espulsi di ottenere la cittadinanza. 

    CONDIVIDI SU: