Skip to main content

SPECIALE PESACH 5784

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Blinken in Israele: “Finché l’America esisterà non sarete soli”

    Il Segretario di Stato americano Antony Blinken è in Israele. A
    sei giorni dal brutale assalto di Hamas avvenuto nel sud dello Stato ebraico,
    gli Stati Uniti hanno dimostrato di essere il più stretto alleato dell’unica
    democrazia del Medio Oriente. Netanyahu, ospitando Blinken in una conferenza
    stampa trasmessa in diretta televisiva in Israele e negli USA, ha sottolineato
    che la visita di Blinken è “un esempio tangibile del sostegno inequivocabile
    dell’America a Israele”.

    “Il messaggio che porto a Israele è questo: siete abbastanza forti
    per difendervi da soli, ma finché esisterà l’America, non dovrete mai e poi mai
    farlo. Saremo sempre lì al vostro fianco” ha affermato Blinken. Nei giorni
    scorsi è arrivata la prima fornitura di munizioni per l’Iron Dome e altro
    materiale di difesa. “Le prime spedizioni di sostegno militare statunitense
    sono già arrivate in Israele, e altre sono in arrivo” ha spiegato il Segretario,
    affermando che verranno soddisfatte le future esigenze di difesa dello Stato
    ebraico. Gli Stati Uniti hanno schierato inoltre la più grande portaerei del
    mondo nel Mediterraneo orientale, rafforzando così la presenza statunitense
    nella regione.

    “Capisco a livello personale gli echi strazianti che i
    massacri di Hamas portano sugli ebrei israeliani, anzi su tutti gli
    ebrei”, ha affermato. “È impossibile per me guardare le foto delle
    famiglie uccise, come la madre, il padre e i tre bambini piccoli assassinati
    mentre si rifugiavano nella loro casa nel Kibbutz Nir Oz, e non pensare ai miei
    figli” ha continuato. “Questo è stato solo uno degli innumerevoli
    atti di terrore di Hamas, che ci riportano alla mente le nefandezze
    dell’Isis”, ha detto Blinken.

    Il capo della diplomazia a stelle e strisce ha voluto elogiare la
    “straordinaria solidarietà” del popolo israeliano, menzionando le lunghe file
    di persone che donano il sangue, i riservisti che sono volati a casa
    dall’estero e le persone che hanno aperto le loro case ai concittadini sfollati
    dal sud.

    Nel suo discorso Blinken ha criticato inoltre coloro che non hanno
    voluto condannare in modo inequivocabile il terrorismo di Hamas. Ciò, ha
    sostenuto, mette a rischio non solo la popolazione israeliana, ma chiunque. “Persone
    provenienti da 36 paesi sono state uccise o risultano disperse negli attacchi
    di Hamas”, ha detto il Segretario. “Nessuna regione è sfuggita, chiunque
    voglia pace e giustizia deve condannare il regno del terrore di Hamas”.

    Il premier israeliano Benjamin Netanyahu ha esordito ringraziando
    il Segretario di Stato Blinken, il Presidente Biden e il popolo americano per
    il loro straordinario sostegno nella guerra contro Hamas. “La sua visita è un
    esempio tangibile del sostegno inequivocabile dell’America a Israele” ha
    affermato Netanyahu.

    “Lei viene qui in una nazione che sta soffrendo, una nazione di
    combattenti, una nazione di leoni, una nazione determinata a sconfiggere le
    forze del male che ci circondano – ha detto in ebraico il premier – Ogni ora
    ascoltiamo sempre più storie di orrore e storie di eroismo. Le storie
    dell’orrore dicono tutto di loro e le storie di eroismo dicono tutto di noi. E
    il nostro eroismo vincerà”.

    “Hamas si è dimostrato nemico della civiltà. – ha dichiarato il
    premier israeliano – Il presidente Biden aveva assolutamente ragione nel
    definire questo puro male. Hamas è l’Isis e proprio come l’Isis è stato
    schiacciato, anche Hamas sarà schiacciato”.

    “L’America sta prendendo questa posizione. Grazie per essere qui
    oggi. Grazie, America, per essere al fianco di Israele oggi, domani e sempre”
    ha concluso Netanyahu.

    CONDIVIDI SU: