Skip to main content

SPECIALE PESACH 5784

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Insieme contro il terrorismo di Hamas: l’appello del Weizmann Institute alla Comunità Scientifica internazionale

    Gli scienziati del Weizmann Institute of Science hanno invitato i colleghi della Comunità Scientifica a pronunciarsi contro il terrorismo e l’equazione morale tra Israele e Hamas. Per questo i ricercatori hanno deciso di scrivere una lettera criticando l’equivalenza morale affermata da molti sui social media e nelle televisioni, invitando a prendere una posizione corretta nei confronti del conflitto israelo-palestinese.

    Pubblichiamo di seguito la lettera:

    Cari colleghi e amici, Vi scriviamo oggi non solo come scienziati del Weizmann Institute of Science, ma anche come colleghi ricercatori e sostenitori della verità, della conoscenza e dell’umanità. Come tutti sapete, la settimana scorsa Israele ha subito un attacco senza precedenti da parte dei terroristi di Hamas. Più di mille cittadini innocenti – madri, padri, neonati, bambini e anziani, così come giovani festaioli – sono stati assassinati, e centinaia di soldati israeliani uccisi e feriti. I corpi di molte vittime sono stati mutilati, molte donne sono state brutalmente violentate e 200 israeliani sono stati rapiti e portati a Gaza. Innumerevoli persone sono ancora disperse. Le abitazioni sono state rase al suolo e intere comunità spazzate via. Allo stesso tempo, Israele è sotto i continui attacchi missilistici provenienti da Gaza, che prendono di mira le popolazioni civili. Ferita e in lutto, la nostra nazione si sta unendo per aiutare i sopravvissuti e fornire sostegno a chi ne ha bisogno. Nonostante la distruzione, il popolo di Israele sta mostrando al mondo il vero significato di coraggio e resilienza. Anche noi di Weizmann stiamo sperimentando il dolore e la perdita. Come istituzione leader nella ricerca scientifica in Israele, ci impegniamo a fare la nostra parte per aiutare la nazione a guarire e ricostruire, inclusa l’accoglienza dei rifugiati nelle nostre strutture o l’organizzazione di donazioni per le vittime. Nel lungo termine, aiuteremo a ricostruire il nostro Paese con i migliori strumenti che le società hanno a loro disposizione: conoscenza, istruzione e scienza. Sebbene le scioccanti atrocità perpetrate da Hamas e la tragedia del popolo israeliano siano fatti concreti e indiscutibili, siamo ancora soggetti a discorsi di odio, notizie false e spaventosa propaganda antisemita da parte dei media internazionali, dei social media e nei campus di tutto il mondo. Sfortunatamente, anche dopo aver visto video, fotografie e altre prove evidenti degli orrori, molti credono ancora che questa situazione sia semplicemente un’altra manifestazione del conflitto israelo-palestinese, dove ci sono due parti ugualmente responsabili della morte di persone innocenti. Si tratta di un’equivalenza morale che è, in poche parole, inaccettabile. In effetti, nulla potrebbe essere più lontano dalla verità. Stiamo combattendo il male puro sotto forma di estremisti fondamentalisti che, invece di costruire e sostenere la vita, cercano solo morte e distruzione. Il tutto utilizzando la popolazione civile palestinese a Gaza come scudo umano. I valori di cui vivono questi assassini jihadisti sono esattamente opposti a quelli dell’illuminismo e del progresso, su cui si basa la scienza. Di fronte a tali avversità, diventa evidente che la nostra missione come scienziati si estende oltre i confini delle nostre rispettive istituzioni; comprende la responsabilità collettiva che condividiamo come membri della comunità scientifica internazionale. Oggi esortiamo ognuno di voi a schierarsi con noi contro il terrorismo. Proprio come cerchiamo la verità e la comprensione nella scienza, così dobbiamo cercare la verità anche nel mondo in cui viviamo. Il potere della comunità scientifica è immenso e le nostre voci possono risuonare ben oltre le mura dei nostri laboratori. I recenti eventi ci hanno scosso nel profondo. Ma ci hanno anche ricordato l’importanza del nostro potere e della nostra azione collettiva, e dell’impatto che possiamo avere sul mondo. Dobbiamo riconoscere che, come scienziati, le nostre parole hanno peso e le nostre dichiarazioni pubbliche hanno il potere di influenzare le opinioni, le politiche e, in ultima analisi, il corso della storia. Di fronte all’oscurità, lasciamo che le nostre voci siano la luce guida.

    Con la speranza di giorni più tranquilli,

    L’Istituto Weizmann per la gestione delle scienze

     

    La lettera è stata firmata dal Prof. Alon Chen, Presidente; Prof. Ziv Reich, Vicepresidente; Prof. Roee Ozeri, Vice Presidente per lo Sviluppo e la Comunicazione; Prof.ssa Irit Sagi, Vice Presidente per l’Innovazione e il Trasferimento Tecnologico; Prof. Alon Harmelin, Vice Presidente per l’Amministrazione e le Finanze.

     

    Foto: Weizmann Institute

    CONDIVIDI SU: