Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Israele, i veterani della Guerra d’Indipendenza contro il film Netflix “Farha”: “Diffamatorio e antisemita”

    Un gruppo composto da cinque ex veterani della guerra d’Indipendenza del
    1948 ha fatto sentire la propria voce contro il film giordano “Farha”. Questa
    pellicola ritrae i soldati delle forze di difesa israeliane mentre giustiziano
    bambini e neonati palestinesi a sangue freddo, mistificando la realtà. Gli
    uomini hanno chiesto a Netflix di rimuovere il film dalla piattaforma con
    effetto immediato.  “Siamo sopravvissuti alla Shoah e abbiamo difeso
    con orgoglio il nostro Paese. Togliete quel film diffamatorio”, hanno
    gridato i cinque ex soldati. L’Israel Law Center ha prontamente inviato una
    lettera di avvertimento a Netflix per conto dei veterani, appellandosi ad una
    potenziale violazione delle leggi israeliane sulla diffamazione.

    Il gruppo degli ex soldati è composto da Oded Negbi, 96 anni, che ha
    prestato servizio nella Brigata Givati e ha combattuto molte battaglie nel
    Negev e Giaffa; Eitan Yavzory, 92 anni, del Kibbutz Afikim, che ha combattuto a
    Gush Etzion e nel Negev; Ezra Yachin, 94 anni, che ha combattuto a Gerusalemme;
    il tenente colonnello Ze’ev (Tibi) Ram, 92 anni, sopravvissuto alla Shoah, che
    dopo aver perso tutta la sua famiglia ad Auschwitz, si arruolò nella Brigata
    Golani allo scoppio della Guerra d’Indipendenza; il 91enne Prof. Benny Arad, un
    veterano dell’Haganah, che ha combattuto nella Guerra d’Indipendenza e ha
    servito come ufficiale dell’IDF per molti anni.  Non solo, Arad, essendo
    fisico di professione, è stato uno dei fondatori del Dipartimento di Fisica
    Sperimentale presso il Centro di Ricerca Nucleare del Negev.

    “È un film antisemita. Quando ne ho sentito parlare, sono rimasto
    sconvolto. Al pensiero che questo film potesse esser visto da tutto il mondo,
    ho capito che non potevo rimanere in silenzio, dovevo alzarmi e protestare. Ho
    chiamato mio figlio che ha contattato il centro legale israeliano”, ha
    detto Arad.

    “Personalmente, non guardo la televisione. Ma quando veniamo diffamati
    in questo modo, non è possibile lasciar correre. Il mondo non sa cosa sia
    l’IDF, e tutto quello che abbiamo affrontato. Quindi in molti potrebbero
    pensare che le bugie che il film mostra siano la verità. Tutto ciò che abbiamo
    fatto è stato difendere il nostro paese, la nostra nazione e il nostro Stato
    nascente”.

    Anche Negbi condivide anche la sua frustrazione per la pellicola, e per
    come questa abbia descritto in modo irreale i soldati israeliani. “La vita
    che ho vissuto accanto agli arabi era completamente diversa. Quando ho sentito
    parlare di quel film, ho avuto un brivido. Nella mia vita ho sempre affrontato
    difficoltà. Mia madre mi ha insegnato ad aiutare sempre gli arabi vicini.
    L’idea stessa di fare del male a un bambino arabo era lontana dalle nostre
    menti. È pura calunnia” ha aggiunto Negbi.

    Il film “Farha” è stato creato dal regista e sceneggiatore giordano Darin
    J. Salam e racconta la “Nakba” dal punto di vista di una ragazza
    araba, di nome Farha, che si nasconde nel seminterrato della sua casa e osserva
    gli israeliani che conquistato il suo villaggio abusando e maltrattando gli
    arabi. Il presidente dell’Israel Law Center, l’avvocato Nitsana
    Darshan-Leitner, ha spiegato: “Netflix-Israel non deve cooperare con il
    grave incitamento e la campagna di delegittimazione contro i veterani della
    guerra d’indipendenza israeliana. In una delle scene, i soldati israeliani
    giustiziano una famiglia di rifugiati, compreso un bambino. Ciò travisa la
    realtà e costituisce una grave violazione della legge sulla diffamazione.
    Facciamo dunque appello a Netflix-Israele, a nome di quei combattenti che hanno
    difeso il nostro paese, alcuni di loro dopo essere sopravvissuti all’inferno
    della Shoah, per la rimozione immediata del film”.

    CONDIVIDI SU: