Skip to main content

Ultimo numero Maggio-Giugno 2024

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    “Perdiamo un interlocutore di altissimo livello” – Le parole del Rabbino Capo Riccardo Di Segni sulla scomparsa di Joseph Ratzinger

    “Benedetto XVI nel suo pontificato breve ma intenso ha lasciato un segno importante non solo nella sua Chiesa ma nel mondo intero” – così si legge nella nota del Rabbino Capo di Roma Riccardo Di Segni, che ricorda la figura di Joseph Ratzinger.

     

    “L’immagine di sé che proponeva era più quella del teologo, del professore, che quella del pastore. – continua la nota – Per questo la sua ascesa al trono pontificio per molti sollevava domande e persino preoccupazioni. Nel mondo ebraico in particolare si temeva una involuzione dottrinale e un rallentamento del dialogo che con Giovanni Paolo II aveva fatto molti passi avanti. Invece è stata proprio la profondità dottrinale che lo caratterizzava a dare forza e strumenti anche nuovi al percorso di amicizia. Benedetto XVI da una parte ha stabilito dei limiti precisi, dall’altra ha mostrato insolite aperture e ha combattuto pregiudizi radicati”.

     

    “Anche dopo il suo ritiro ha continuato a elaborare il suo pensiero discutendone con rabbini. – conclude la nota – La notizia della sua morte ci lascia con il rammarico e il rimpianto per la perdita di un interlocutore di altissimo livello, fermo nella sua fede e nelle sue convinzioni, ma disposto all’ascolto rispettoso”.

    CONDIVIDI SU: