Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    L’aumento dell’antisemitismo e le sfide alla sicurezza per gli atleti israeliani

    L’aumento degli atti antisemiti in tutto il mondo ha
    posto nuove sfide alla sicurezza per gli atleti israeliani in vista delle
    Olimpiadi di Parigi il prossimo anno. Lo ha affermato il capo del Comitato
    Olimpico israeliano a Reuters.

    “L’attuale ondata di antisemitismo globale ha
    creato esigenze di sicurezza e sfide uniche per i nostri atleti che si stanno
    preparando per le Olimpiadi”, ha affermato Yael Arad, presidente del
    Comitato Olimpico Israeliano. “Alcuni dei nostri atleti hanno avuto problemi anche
    solo per partecipare alle competizioni necessarie per le qualificazioni”,
    ha aggiunto.

    È il caso della squadra israeliana di nuoto
    artistico, che all’inizio di questo mese ha dichiarato che non si sarebbe
    recata alle competizioni per paura di possibili attentati. “Il Comitato
    Olimpico Israeliano, in stretta collaborazione con varie parti interessate sia
    in Israele che nei paesi ospitanti, si impegna a garantire la sicurezza e
    l’incolumità dei nostri atleti” ha sottolineato.

    Le misure di sicurezza per le Olimpiadi di Parigi
    saranno “senza precedenti”, hanno dichiarato gli organizzatori dei Giochi,
    specificando che il budget destinato alla sicurezza ammonta a oltre 320 milioni
    di euro. “Tutte le minacce, comprese quelle terroristiche, sono state
    prese in considerazione”, ha detto un portavoce dei Giochi di Parigi.

    Particolare attenzione è stata posta al dispositivo
    di sicurezza attorno al villaggio olimpico e ai luoghi delle gare. “La
    sicurezza in ogni edizione dei Giochi Olimpici e Paralimpici è un tema di grande
    importanza per il CIO”, ha detto un portavoce del CIO quando gli è stato
    chiesto se i piani per la squadra israeliana fossero stati rafforzati
    dall’inizio del conflitto di Gaza. “Siamo in contatto regolare con Parigi
    2024 e abbiamo piena fiducia nella capacità del Comitato Organizzatore e delle
    autorità francesi di organizzare Giochi sicuri e di successo”.

    CONDIVIDI SU: