Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    ISRAELE

    Liberati due ostaggi a Rafah

    Fernando Simon Marman (60 anni) e Louis Har (70 anni) sono stati liberati a Rafah nel corso di un’operazione notturna dall’IDF, dallo Shin Bet e dalle forze di polizia. I due uomini, rapiti il 7 ottobre nel kibbutz Nir Ytzhak, sono stati trovati in buone condizioni, secondo quanto si apprende dai media israeliani e sono stati portati in ospedale dove hanno ritrovato ad aspettarli le loro famiglie.

    Simon e Louis sono stati ritrovati al secondo piano di un edificio a Rafah. Le forze di sicurezza, riportano i media, hanno utilizzato un ordigno esplosivo per sfondare la porta dietro la quale erano prigionieri gli ostaggi. Gli agenti hanno anche affrontato in uno scontro a fuoco i terroristi di Hamas.

    Il generale Yaron Finkelman, capo del comando meridionale dell’IDF, ha gestito e coordinato l’operazione da una base a Be’er Sheva, alla presenza del capo di stato maggiore Herzi Halevi e del capo dello Shin Bet Ronen Bar. Il primo ministro Benjamin Netanyahu e il ministro della Difesa Yoav Gallant si sono uniti a loro nel quartier generale militare. “Abbiamo 134 ostaggi ancora tenuti prigionieri e faremo tutto il possibile per riportarli a casa”, ha detto il portavoce dell’IDF.

    “Questa è stata un’operazione impressionante”, ha detto Gallant, spiegando che lui e il primo ministro hanno seguito gli eventi dal centro di comando. “Continueremo a mantenere il nostro impegno per riportare indietro gli ostaggi, in ogni modo possibile”, ha detto.

    Idan Bejerano, genero di Har, ha detto di aver incontrato suo suocero solo brevemente prima che fosse portato per gli esami medici. “Sembrano stare bene, sorridevano ed erano visibilmente sollevati”, ha detto Idan. “Siamo stati chiamati alle 3:30 del mattino e siamo saltati giù dai nostri letti con gioia. Ci è stato detto ‘li abbiamo nelle nostre mani’ e di andare in ospedale. Ci è voluta quasi un’ora per arrivare lì e io non ero sicuro che mia moglie stesse respirando durante quel periodo. Questo è un grande sollievo” ha aggiunto.

    Il presidente argentino Javier Milei ha elogiato la liberazione degli uomini, entrambi con doppia cittadinanza israeliana e argentina. “L’Ufficio del Presidente ringrazia le Forze di Difesa israeliane, lo Shin Bet e la Polizia israeliana per aver portato a termine con successo il salvataggio degli argentini Fernando Simon Marman e Louis Har”, si legge in un post su X.

    CONDIVIDI SU: