Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Rook: il robot militare israeliano impiegato nell’esercito

    Si chiama Rook ed è il nuovo veicolo terrestre che può trasportare equipaggiamento, evacuare soldati, fare ricognizioni nelle aree di combattimento e molte altre funzioni sul campo di battaglia. A riportare la notizia, il quotidiano Israel Hayom.

    Sviluppato dalla società israeliana Elbit Systems e Roboteam, il sistema è autonomo, senza equipaggio e può essere assemblato in un sistema di “scatole” – spiega il CEO di Roboteam Elad Levy – che consentono ai clienti di scegliere tra diverse capacità. Possono fungere da motore elettrico, da sistema di comunicazione ed addirittura da armi controllate da remoto. Versatile e ricco di strumenti, Rook possiede altre numerose abilità. 

    La combinazione tra droni terrestri e aerei “porta un vantaggio significativo – spiega Levy – Gli UAV sanno come volare da un punto all’altro, ma sono limitati nel tempo di volo ed in altri settori. È qui che i sistemi di terra completeranno il quadro”.

    Rook arriva come evoluzione di un precedente robot, sviluppato sempre da Roboteam, dal nome “Probot”, rispetto al quale ha “il 40% in più di capacità in ogni parametro rilevante, a partire da navigabilità, tempo di lavoro, velocità e movimento”. Rook è, infatti, in grado di guidare per otto ore a una velocità di 30 km/h, pesa 1.200 chilogrammi e può trasportare l’equivalente del proprio peso in carichi utili, una notevole impresa ingegneristica.

    La neotecnologia svolge funzioni che altrimenti sarebbero destinate alle persone. Riduce rischi ed ottimizza le necessità militari.

    CONDIVIDI SU: