Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Shani Louk, 22 anni, è morta a Gaza. La conferma da un osso del cranio

    «Purtroppo abbiamo saputo che nostra figlia non è
    più viva» ha detto a RTL Ricarda Louk, madre della tatuatrice tedesca Shani, 22
    anni, presa in ostaggio dai terroristi di Hamas durante l’attentato al rave nel
    deserto del Negev.

    Il corpo, di cui è stato identificato un frammento
    osseo del cranio, non è stato restituito alla famiglia Louk, che ha ricevuto la
    notizia dall’esercito israeliano e dall’organizzazione ZAKA. I medici hanno
    confermato che la sopravvivenza di una persona sia impossibile senza questo
    osso, confermando così che la ragazza non possa essere ancora in vita.

    La giovane era al festival SuperNova, vicino al
    kibbutz di Re’im, non lontano dal confine con la Striscia di Gaza, insieme al
    suo fidanzato messicano, Orion Hernandez Radoux, che sembra sia stato anche lui
    preso in ostaggio da Hamas. La famiglia Louk non ha più avuto notizie della
    ragazza, eccezion fatta per la sua carta di credito, usata a Gaza.

    Inizialmente si sperava che la ragazza fosse ancora
    viva, anche se gravemente ferita. La madre, Ricarda Louk, aveva riconosciuto la
    figlia in alcuni video che circolavano online grazie ai suoi tatuaggi e al
    colore dei capelli. Il video mostrava una donna seminuda e priva di conoscenze
    trasportata su un camion guidato da uomini armati. Non si sa con certezza
    quando sia morta o dove sia stato rinvenuto l’osso del suo cranio. Il 10
    ottobre Ricarda aveva detto a Bild che «Abbiamo prove che Shani sia viva anche
    se gravemente ferita alla testa ed in condizioni critiche. Ogni momento è
    fondamentale».

    La famiglia Louk ha fatto numerosi appelli di aiuto
    al governo federale tedesco nelle ultime settimane.  La sorella di Shani, Adi, ha  condiviso la notizia su Instagram che «annuncio
    con grande tristezza la morte di mia sorella».

    Shani era una tatuatrice con doppia cittadinanza
    tedesca ed israeliana. Era una pacifista. Sua cugina Tomasina Weintraub-Louk ha
    detto al Mail online che «Shani era al festival per promuovere la pace. È un
    incubo per la nostra famiglia».

    CONDIVIDI SU: