Skip to main content

Ultimo numero Maggio-Giugno 2024

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    25 Aprile: Di Segni (Ucei), non sarà mai momento di divisione

    “Celebreremo un nuovo appuntamento con il 25 Aprile, la festa della libertà riconquistata con sacrificio dopo anni di spietata dittatura e la festa della libertà affermata, da tramandare, ravvivare, che siamo tutti indistintamente chiamati a difendere con la massima consapevolezza e determinazione”. Lo afferma in una nota la Presidente dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane (Ucei) Noemi Di Segni. “Il 25 Aprile è quindi la festa identitaria dell’Italia – prosegue Di Segni -. Un appuntamento con la Storia, con la Patria, con la nostra bandiera, che non potrà mai essere un appuntamento “divisivo”, ma il riconoscimento collettivo di quanto avvenuto nelle nostre città, e soprattutto occasione per formare coscienze, educare i giovani, responsabilizzare chi ha incarichi istituzionali, di ogni rango, e ha giurato sulla Costituzione”. “È bene anche sottolineare, per sgombrare il campo da ulteriori equivoci, che il 25 Aprile è dedicato al ricordo esclusivo della Liberazione dal nazifascismo. Tutte le altre pretese di liberazione, tutti gli altri aneliti di libertà vera o presunta, tutte le altre giuste e meritorie cause a cui esprimere deferente rispetto, vanno affrontate in altre sedi e non in questa ricorrenza”, sottolinea la presidente Ucei, che conclude: “Il 25 Aprile è un grazie a che ci ha riconsegnato la libertà: le forze alleate, i partigiani, i tanti volontari accorsi sotto diverse bandiere. Significativo fu in quei mesi drammatici il contributo dell’ebraismo italiano, perseguitato dai nazifascisti ma in prima linea in molte azioni decisive della Resistenza. E al suo fianco quello degli eroici volontari della Brigata ebraica, accorsi da lontano ma accomunati dallo stesso ideale di libertà, che si distinsero in molte prove di coraggio sacrificando in alcuni casi la loro vita, contribuendo poi a risollevare le nostre comunità dalle macerie e dalla disperazione. A tutti coloro che si spesero per questa causa, va oggi il nostro commosso ringraziamento e per loro domani saremo presenti nelle piazze e nelle sedi di ogni celebrazione”.

    CONDIVIDI SU: