Skip to main content

Ultimo numero Maggio-Giugno 2024

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Il 15 settembre Giornata Europea Cultura Ebraica

    88 località, divise tra 15 regioni italiane, da Nord a Sud e nelle Isole: sono le città dove si svolgeranno iniziative e attività legate alla Giornata Europea della Cultura Ebraica il prossimo 15 settembre 2019. La manifestazione, giunta alla ventesima edizione, invita a conoscere e approfondire storia, cultura e tradizioni dell’ebraismo, tra visite guidate a sinagoghe, musei e quartieri ebraici, concerti, incontri d’autore, spettacoli teatrali, degustazioni kasher ed eventi per i più piccoli.

    Città capofila, ossia il luogo dove si inaugurerà ufficialmente la manifestazione dando il via agli eventi in tutto il Paese, quest’anno sarà Parma, dove risiede una piccola comunità ebraica le cui origini risalgono al XIV secolo. Proprio nella città emiliana, presso la Biblioteca Palatina, è conservata una delle più importanti collezioni a livello mondiale di antichi manoscritti e libri a stampa ebraici: dalle Bibbie miniate ai testi e commentari rabbinici, dai trattati di filosofia a quelli di medicina, oltre milleseicento opere, le più interessanti delle quali saranno esposte al pubblico in occasione della Giornata. Nelle iniziative parmensi sarà coinvolta anche la vicina Soragna, dove è presente il Museo ebraico “Fausto Levi”, un suggestivo gioiello tra gli itinerari ebraici di questa parte d’Italia.

    Il titolo di questa edizione sarà “I sogni, una scala verso il cielo”: si evoca un famoso episodio della Genesi che ha per protagonista il patriarca Giacobbe e contemporaneamente si apre al tema del sogno, ricco di spunti nella tradizione ebraicadagli episodi onirici presenti nella Torah e nel Talmud, passando per la mistica ebraica e per la psicoanalisi di Sigmund Freud, fino al sogno millenario del popolo ebraico, quello di una patria, concretizzatosi nel 1948 con la fondazione dello Stato d’Israele. Intesi come sostanza onirica ma anche come speranza e costruzione del domani, i sogni saranno il filo conduttore delle centinaia di iniziative che si susseguiranno già dalla sera di sabato 14 in tutta Italia. 

    La Giornata Europea della Cultura Ebraica gode del Patrocinio del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani, oltre a essere riconosciuta dal Consiglio d’Europa. In Italia è coordinata e promossa dall’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, ma è un’iniziativa con una valenza continentale: partecipano infatti 34 Paesi europei, sotto il coordinamento dell’AEPJ – The European Association for the Preservation and Promotion of Jewish Culture and Heritage.

    DANIELE TOSCANO

    CONDIVIDI SU: