Skip to main content

Ultimo numero Marzo-Aprile 2024

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    La lettera di Lia Levi al giovane aggredito nel livornese

    Pubblichiamo di seguito il testo della lettera di Lia Levi al giovane di Campiglia Marittima, insultato e minacciato perché ebreo. La scrittrice ha letto la lettera al Tg1.

     

    Caro amico di Campiglia Marittima,

     

    quello che ti vorrei far arrivare è l’abbraccio di una ragazzina di allora che è stata vittima delle leggi razziali del fascismo e si è vista man mano cambiare in peggio la linea della propria vita.

     

    Credimi, io ti comprendo, e sto soffrendo accanto a te, e anche per mio conto privato. Quello che però voglio dirti è che allora chi ci perseguitava era proprio chi ci avrebbe dovuto proteggere: lo Stato. E’ terribile che il tuo Stato sia li a battersi per il tuo male. Pensiamo invece un attimo, ora lo Stato, e tutta la società civile, sono con te, e l’atto che hai subito lo vivono come te, con indignazione e sofferenza.

     

    Sono tante, quasi tutte, le persone del nostro Paese che condividono la tua sofferenza, e spero che tu riesca a percepirlo e sentirlo. Senti anche l’abbraccio che ti invio e non è soltanto il mio.

    CONDIVIDI SU: