Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Per il nostro paese 2018 anno piu’ caldo dal 1800

    Il 2018 e’
    stato l’anno piu’ caldo dal 1800 ad oggi per l’Italia. Con una anomalia di
    +1.58 C sopra la media del periodo di riferimento (1971-2000) ha superato il precedente
    record del 2015 (+1.44 C sopra la media). Lo ha detto in una nota Michele Brunetti,
    responsabile della Banca dati di climatologia storica dell’Istituto di scienze
    dell’atmosfera e del clima del Consiglio nazionale delle ricerche di Bologna
    (Isac-Cnr). “A parte i mesi di febbraio (con un’anomalia negativa) e marzo
    (in media rispetto al trentennio di riferimento), tutti gli altri dieci mesi
    del 2018 hanno fatto registrare anomalie positive e nove di essi di oltre 1 C
    rispetto alla media”, spiega Brunetti. Particolarmente eccezionali sono
    stati i mesi di gennaio (il  econdo
    gennaio piu’ caldo dal 1800 ad oggi con una anomalia di  +2.37 C rispetto alla media) e aprile (il
    piu’ caldo di sempre,  con un’anomalia di
    +3.50 C rispetto alla media). “L’anomalia 
    del 2018, se presa in esame singolarmente, non ci permette –  riferisce Brunetti – di trarre conclusioni
    relativamente alle tendenze in atto; tuttavia, se vista nel contesto degli
    ultimi 220 anni di storia climatica dell’Italia, e’ l’ennesima  conferma del fatto che siamo in presenza di
    un cambiamento climatico importante per il nostro paese. Significativo e’ il fatto
    che tra i 30 anni piu’ caldi dal 1800 ad oggi 25 siano successivi al
    1990”. L’eccezionalita’ del 2018 non ha 
    iteressato solo l’Italia. L’anno appena concluso e’ risultato il piu’
    caldo da quando sono disponibili osservazioni anche per Francia, Svizzera,
    Germania e Austria. 

    CONDIVIDI SU: