Skip to main content

SPECIALE PESACH 5784

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Tajani in Israele: “Hamas è come l’ISIS, come le SS”

    Un
    viaggio lampo quello di Antonio Tajani a sostegno di Israele. Il ministro degli
    esteri parla in conferenza stampa a Tel Aviv dopo aver visitato i luoghi dei
    massacri e annuncia l’imminente operazione di terra. “C’è una grande
    concentrazione di truppe israeliane ai confini con la Striscia di Gaza. Ne ho
    visti tantissimi, centinaia di carri armati, quindi uomini pronti a
    intervenire. Ma l’evacuazione è in corso”. Tajani spera che si possa
    fermare l’uccisione di vittime civili, ma diffida di Hamas. “Le iniziative
    per salvare vite umane ce ne sono tante, bisogna vedere se Hamas risponde
    positivamente: mi pare che abbia già risposto negativamente alla proposta
    egiziana e questa è la dimostrazione che Hamas vuole la guerra e vuole farsi
    scudo con il popolo palestinese per le sue attività criminali”. Il ministro non
    usa mezzi termini: “Hamas è come l’ISIS, come come le SS, come la Gestapo,
    fanno le stesse cose, sono terroristi, degli assassini e stanno utilizzando
    come scudo il popolo palestinese, cosa che non è giusta, bisogna evitare che ci
    siano altri morti innocenti”.

    Riguardo
    al fronte nord, per il ministro degli esteri è “giusto che Hezbollah rimanga
    dentro i confini del Libano, perché un attacco dal sud del Libano verso Israele
    sarebbe una terribile iniziativa destinata a infiammare il Medio Oriente e
    questo non lo vogliamo”. E Tajani accoglie nel suo aereo quattro cittadini
    italiani che non erano ancora riusciti a partire.

    L’omologo
    israeliano Eli Cohen ringrazia Tajani. “L’Italia è uno stretto e
    importante alleato dello Stato di Israele. La visita qui oggi ne è un’ulteriore
    prova”. Ringrazio per essere venuto al sud per mostrare al popolo di
    Israele, all’Italia e al mondo che l’Italia è con il popolo di Israele e
    sostiene il nostro diritto, senza riserve, di difendere i nostri cittadini
    contro l’organizzazione terroristica assassina Hamas”.

    CONDIVIDI SU: