Skip to main content

Ultimo numero Marzo-Aprile 2024

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    “Per la Repubblica, contro l’antisemitismo”: oltre 180mila francesi in piazza

    Oltre 180mila persone, secondo i dati del ministero
    degli Interni, sono scese in piazza a Parigi e in altre città francesi domenica
    per esprimere solidarietà agli ebrei francesi e per condannare gli atti
    antisemiti che si sono verificati in tutto il Paese dopo l’attacco di Hamas del
    7 ottobre.

    Nell’ultimo mese, infatti, si sono verificati oltre
    1.240 episodi di antisemitismo, tra cui quello avvenuto il 31 ottobre, quando
    diversi edifici della città e dei sobborghi sono stati imbrattati con le di
    stelle di David. Un atto d’odio che ha riportato alla memoria l’occupazione
    nazista di Parigi durante la seconda guerra mondiale e la deportazione degli
    ebrei nei campi di sterminio.

    Le marce, che sono state indette dai leader del
    Senato e dell’Assemblea nazionale sotto lo slogan: “Per la Repubblica, contro
    l’antisemitismo”, si sono svolte nelle principali città francesi come Parigi,
    Lione, Nizza e Strasburgo. In totale, si sono svolti 70 eventi in tutta la
    Francia.

    “L’odio antisemita va contro i valori della Repubblica”,
    ha dichiarato all’emittente LCP il presidente del Senato Gérard Larcher, che ha
    organizzato la manifestazione di Parigi insieme alla leader dell’Assemblea
    nazionale, Yaël Braun-Pivet, che è stata bersaglio di minacce antisemite ed è
    sotto protezione della polizia. “La marcia è un appello ai cittadini francesi –
    ha affermato Braun-Pivet. –  Vogliamo
    mostrare agli altri e al mondo cosa è la Francia oggi. Nella sola Parigi, dove
    hanno partecipato oltre 105mila persone, sono stati dispiegati oltre 3mila
    agenti di polizia, che hanno pattugliato il percorso.

    Oltre ai leader religiosi, tra cui il rabbino capo
    di Francia, Haim Korsia, e il vescovo di Nanterre, monsignor Matthieu Rouge,
    hanno partecipato diversi ex presidenti, tra cui François Hollande e Nicolas
    Sarkozy. In testa al corteo anche il primo ministro francese Elisabeth Borne,
    il presidente di Rassemblement National, Jordan Bardella, e la parlamentare
    Marine Le Pen. Tra le figure culturali presenti c’erano le attrici Natalie
    Portman e Charlotte Gainsbourg.

    Il primo ministro Borne, il cui padre era un
    sopravvissuto alla Shoah, ha affermato che il governo “dice ai nostri
    cittadini ebrei che siamo al loro fianco, siamo mobilitati e non lasceremo
    passare nulla”.

    Sabato il presidente Macron, in una lettera inviata
    al Le Parisien, ha condannato “l’insopportabile recrudescenza
    dell’antisemitismo sfrenato” nel Paese. “Una Francia in cui i nostri
    cittadini ebrei hanno paura non è la Francia” ha aggiunto. Tuttavia, ha deciso
    di non essere presente fisicamente per le strade di Parigi perché il suo ruolo
    è ”quello di costruire l’unità del Paese e di essere fermo sui valori”. Macron
    ha affermato comunque che avrebbe partecipato alla manifestazione “nel cuore e
    nello spirito”.

    Il partito di estrema sinistra La France Insoumise
    (LFI) ha boicottato invece l’evento. Il leader Jean-Luc Melenchon infatti, ha
    respinto la marcia definendola un incontro di “amici del sostegno
    incondizionato al massacro” dei palestinesi a Gaza.

    CONDIVIDI SU: