Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Addio a David Sassoli, un amico contro l’antisemitismo

    Ci ha insegnato che si può
    combattere per le proprie idee senza alzare la voce, che si possono difendere i
    valori condivisi senza sventolare bandiere. La sua voce ferma, gentile, si
    accompagnava allo sguardo attento. Prima come giornalista poi come politico,
    David Sassoli aveva il dono prezioso di riuscire a combattere per la verità e
    la giustizia con garbo. E con la sua scomparsa l’Italia e l’Europa perdono un
    gentile combattente sempre fedele alla verità e alle istituzioni.

    Dall’inizio della sua professione
    giornalistica, all’approdo alla vicedirezione del Tg1, e poi con il suo percorso
    politico, che lo ha portato alla presidenza dell’Europarlamento, sono state
    molte le occasioni di incontro tra Sassoli e gli ebrei italiani che lo hanno
    sempre considerato una persona vicina, un amico con cui condividere temi,
    valori e anche problemi.

    E fu nell’ultima sua visita
    ufficiale alla Sinagoga di Roma, nell’ottobre del 2019 che Sassoli dimostrò
    ancora una volta la sua vicinanza alla comunità, alla quale espresse
    preoccupazione per un antisemitismo che tornava con più forza e nuove forme in
    Europa e che lui definì «la parte peggiore della storia del nostro continente,
    un virus molto europeo per cui servono medicine importanti». Non furono parole
    di circostanza perché la sua era una preoccupazione sincera che espresse al
    Rabbino Capo Riccardo Di Segni e alla Presidente Ruth Dureghello proponendo
    soluzioni, “medicine” per curare questa malattia. Sassoli sottolineò il ritardo
    dell’Italia nella nomina di un commissario nazionale per l’antisemitismo,
    suggerita dal Parlamento europeo nel 2017, e chiese all’allora premier Conte di
    darsi da fare, così come per la definizione dell’antisemitismo che per lui
    sarebbe dovuto entrare nei codici e regolamenti italiani.

    David Sassoli, che è stato anche
    membro della delegazione interparlamentare UE-Israele, si indignava davanti
    alle manifestazioni di antisemitismo, ed era sempre tra i primi a denunciarle,
    anche quando mascherate da antisionismo, come quando segnalò la bandiera
    imbrattata di vernice rossa all’Expo di Milano, definendo quell’ignobile gesto come
    “la vergogna dell’intolleranza”.  Ma la fiducia nelle istituzioni e nella
    politica in lui era fondamentale per andare avanti, sempre presente nei suoi
    discorsi in cui chiamava le cose con il loro nome, senza sconti, ma con la sua
    innata gentilezza. E denunciando, in un periodo particolarmente difficile, le
    minacce a esponenti del mondo ebraico e gli attacchi antisemiti alla Senatrice
    Liliana Segre, spiegò che bisognava essere attenti, mai indifferenti, e avere
    fiducia nella democrazia, la vera medicina per sconfiggere il virus
    dell’antisemitismo.

     

    CONDIVIDI SU: