Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Due fratelli sopravvissuti alla Shoah ritrovano i loro parenti dopo una lunga ricerca

    Per tutta la vita hanno creduto di essere gli unici sopravvissuti della loro famiglia sterminata dai nazisti durante la Seconda guerra mondiale. Con grande emozione, invece, i fratelli Walter e Oscar Blau, di 92 e 88 anni, lo scorso mese hanno potuto riunirsi ai loro parenti grazie ad una lunga ricerca.

    Come riporta il Jpost, avevano 10 e 6 anni i fratelli Blau quando fuggirono con la famiglia dall’Austria occupata dai nazisti. Dopo aver vissuto in Belgio in un orfanotrofio, alla fine della guerra, pensando di aver perso tutti i familiari, emigrarono in Israele, dove si ricostruirono una nuova vita.

    Tuttavia, durante l’occupazione nazista, tre dei loro parenti più stretti riuscirono a trasferirsi negli Stati Uniti. Anche loro credevano di essere gli unici sopravvissuti. Ma la scoperta di alcune foto e lettere ha portato Suzanne, la nipote di uno dei cugini statunitensi, a fare una ricerca durata 25 anni, culminata nell’incontro su Facebook con la figlia di Oscar, Daphne.

    Il ricongiungimento familiare è avvenuto al Muro del Pianto, a Gerusalemme. In occasione del loro Bar Mitzvah, non celebrato prima a causa della guerra, i due fratelli hanno potuto finalmente riabbracciare il cugino George Weiss, giunto in Israele dagli Stati Uniti.

    CONDIVIDI SU: