Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    L’auto del rabbino Shmuel Eliyahu colpita da un lancio di pietre a Gerusalemme

    Il rabbino capo di Tzfat (Safed) Shmuel Eliyahu è stato preso di mira da alcuni arabi che hanno lanciato una pioggia di pietre sull’auto privata che lo trasportava nella parte orientale di Gerusalemme domenica sera. Lo riporta Arutz Sheva.

    Il rabbino Shmuel Eliyahu, figlio del defunto rabbino capo sefardita di Israele, Rabbi Mordechai Eliyahu, stava attraversando il quartiere A-Tur della capitale israeliana, quando un gruppo di arabi ha attaccato l’autovettura, scagliandole contro pietre mentre passava. L’auto ha riportato lievi danni e il conducente del veicolo è rimasto lievemente ferito, riportando ferite alla mano. Il rabbino Eliyahu è rimasto illeso.

    L’attacco è avvenuto mentre il rabbino Eliyahu si stava recando ad un incontro nel quartiere di Maaleh HaZeitim. “Stavo viaggiando a Gerusalemme, all’interno di Gerusalemme, e gli arabi hanno lanciato pietre contro la mia testa”, ha detto il rabbino Eliyahu, indicando il finestrino rotto del passeggero. “Se la pietra avesse sfondato il finestrino, avrebbe potuto essere pericoloso, pericoloso per la vita. Fortunatamente per me, viaggiavo con l’auto di mio padre e i finestrini erano rinforzati”.

    “Volevano ucciderci”, ha continuato Rabbi Eliyahu. “È imbarazzante per la città di Gerusalemme, per la città santa, che ci siano persone che lanciano pietre e che cercano di ucciderci. È incredibile.”Poco dopo l’attacco, è stata presentata una denuncia alla polizia. “Ci aspettiamo che la polizia israeliana persegua (i colpevoli) e li metta in prigione, come assassini, e che il sistema giudiziario si occupi di loro piuttosto che rilasciarli. Non si può permettere agli arabi di cercare di uccidere gli ebrei nella capitale di Israele”.

     

    CONDIVIDI SU: