Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Siria, i dieci punti dell’accordo tra Erdogan e Putin

    Ieri, a poche ore dalla scadenza della tregua ottenuta giovedì scorso dagli Stati Uniti per fermare l’offensiva militare lanciata da Ankara il 9 ottobre scorso contro i curdi nel Nord-Est della Siria, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, dopo un colloquio durato oltre sei ore con il suo omologo russo Vladimr Putin, ha annunciato da Sochi di aver raggiunto “un accordo storico” che garantirà “l’unità territoriale e politica della Siria e il ritorno dei profughi”. Ecco i dieci punti dell’intesa definita “storica”, come riportato dalla tv satellitare curda Rudaw:

    1. “Le parti si impegnano a garantire l’unità politica e l’unità territoriale della Siria e la sicurezza nazionale della Turchia”; 

    2. “Le parti sostengono la lotta a tutte le forme di terrorismo e ai tentativi dei separatisti sul territorio siriano”.

    3. Nell’ambito del punto due, “sarà protetta l’area di 32 chilometri di profondità dell’operazione militare turca che comprende (le cittadine curde di frontiera, ndr) Tel Abyed e Ras al Ain”; 

    4. “Le parti hanno sottolineato l’importanza dell’accordo di Astana e la Russia Federale, in caso di necessità, procederà a facilitare questo accordo”; 

    5. “Alle ore 12:00 (locali, 13:00 italiane) del 23 ottobre 2019 la polizia militare russa e le guardie di frontiera siriane entreranno nella zona di confine tra Siria e Turchia che si trova fuori dai limiti dell’operazione militare turca; e questo per preparare il ritiro delle Unità di Difesa del Popolo (YPG, curde) e delle loro armi fino ad una profondità di 30 chilomteri dalla frontiera turco-siriana. A condizione che (il ritiro) avvenga entro 150 ore. Nel frattempo le pattuglie turco-russe entreranno in azione a una distanza di 10 chilomteri a est e ovest dell’attuale linea di dimercazione dell’operazione militare turca ad eccezione di Qamishli”, città curda siriana nella parte orientale della Striscia di sicurezza.

    6. “Evacuazione di tutti i combattenti di YPG e le loro armi dalle città di Minbij e Tel Rifaat”; 

    7. “Le parti compiranno i passi necessari per impedire infiltrazioni di unità terroriste”; 

    8. “Si dà il via a sforzi comuni per il ritorno volontario dei profughi in sicurezza”; 

    9. “Elaborare un automatismo comune per il monitoraggio e la verifica dell’esecuzione di questo accordo”; 

    10. “Le parti proseguiranno a lavorare per trovare una soluzione politica permanente della crisi siriana nel quadro dei meccanismi di Astana e sostenere la Comissione costituzionale”.


    CONDIVIDI SU: