Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    “La Belle Époque de noantri” – Famiglie ebraiche a Roma tra Otto e Novecento presentato a Più libri più liberi

    Nella suggestiva location della Nuvola di Fuksas, in
    occasione della fiera della piccola e media editoria Più Libri Più Liberi, è
    stata presentata la collana di libri del Dipartimento di Beni e Attività
    Culturali della Comunità Ebraica di Roma. Al Talk, che si è concentrato sul
    libro “Ebrei a Roma tra Risorgimento ed Emancipazione (1814-1914)”,
    hanno preso parte Antonella Di Castro, Vicepresidente della Comunità Ebraica di
    Roma e Assessore alla Cultura, il direttore del dipartimento beni e Attività
    Culturali della Comunità Ebraica di Roma Claudio Procaccia, Stefano Caviglia,
    scrittore e giornalista.

    “Oggi siamo qui per presentare non solo il
    volume ‘Ebrei a Roma tra Risorgimento ed Emancipazione (1814-1914)’ ma per introdurre
    una collana che parla dell’intera storia della Comunità Ebraica di Roma, dal
    punto di vista culturale, cultuale, storico e politico” ha detto Claudio
    Procaccia, direttore del DIBAC aprendo la conferenza.

    Questa collana propone al pubblico la storia e la
    cultura di una Comunità e di tutti i cambiamenti che hanno caratterizzato gli
    ebrei di Roma nel corso dei secoli. Dal ghetto dell’età moderna
    all’emancipazione, giungendo fino alle leggi razziali del 1938.

    “Credo che sia particolarmente giusto definire il
    periodo dell’emancipazione “La belle Epoque” perché il 1871 segna un momento
    storico che caratterizzò per molte generazioni l’identità italiana degli ebrei”
    ha spiegato Stefano Caviglia, che ha poi illustrato come il testo restituisca
    al lettore un quadro completo di quel processo di emancipazione di cui furono
    protagonisti gli ebrei italiani, in particolare i romani.

    “Siamo qui per illustrare questa splendida collana
    che racconta tutte le sfaccettature della Comunità Ebraica di Roma. Il libro di
    cui parliamo oggi, tratta in particolare la storia degli ebrei di Roma nel
    Risorgimento. Come diceva Jonathan Safran Foer “ogni cosa è
    illuminata” e la storia e degli ebrei romani è infatti illuminata dalla
    luce del passato. Siamo orgogliosi di raccontare la nostra storia specialmente
    perché è importante conoscere da dove veniamo per fortificare la nostra
    identità nel futuro” ha concluso Antonella Di Castro.

    CONDIVIDI SU: