Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Israele: arriva il primo studio su una cura per le paralisi spinali

    Il primo esperimento al mondo sulla paralisi spinale ha avuto luogo presso l’Università di Tel Aviv, dove un grande team ha ingegnerizzato il tessuto del midollo spinale da cellule umane impiantandolo in 15 topi con paralisi a lungo termine. Dodici dei topi sono riusciti successivamente a camminare normalmente. Ad annunciarlo sono stati proprio gli scienziati nel corso della giornata di lunedì. La ricerca è stata successivamente revisionata e pubblicata sulla rivista Advanced Science.

     

    Secondo gli scienziati israeliani, che hanno fatto camminare i topi paralizzati somministrando loro impianti di midollo spinale, potrebbero mancare meno di tre anni per far si che gli esseri umani, affetti da paralisi midollari, possano tornare a camminare.

     

    “Se questo funziona negli esseri umani, e crediamo che lo farà, può offrire a tutte le persone paralizzate la speranza di tornare a camminare nuovamente”, ha detto al Times of Israel il team di ricerca del Prof. Tal Dvir presso il Sagol Center for Regenerative Biotechnology. Aggiungendo che le discussioni, per quanto riguarda gli studi clinici, sono stati aperte con l’americana Food and Drug Administration.

     

    Il Professor Dvir prevede che ciò “consentirà la rigenerazione del tessuto danneggiato senza rischio di rigetto” ed eliminerà la necessità di sopprimere il sistema immunitario dei riceventi, come accade nel caso di molti trapianti. Ci sono milioni di persone in tutto il mondo che sono paralizzate a causa di una lesione spinale e non esiste ancora un trattamento efficace per la loro condizione”, ha spiegato Dvir.

     

    Ad oggi, alcuni gruppi scientifici hanno condotto esperimenti producendo cellule staminali di origine umana e iniettandole nel midollo spinale degli animali. Ma Dvir ha sottolineato che la novità, introdotta in questo studio, risiede nel fatto di aver trovato la soluzione per far crescere pezzi di vera colonna vertebrale ingegnerizzati da cellule umane. Questi frammenti verranno successivamente trapiantati nei pazienti paralizzati, permettendo loro di riacquisire la possibilità di camminare. “Le persone ferite in tenera età sono destinate a rimanere su una sedia a rotelle per il resto della loro vita, sopportando tutti i costi sociali, finanziari e sanitari della paralisi. Speriamo di risolvere questo problema presto e aiutarli a camminare”

     

    Un altro fattore unico nella sua ricerca è il trattamento degli animali paralizzati da tempo, poiché gli studi sulle cellule staminali tendono a limitarsi agli animali appena paralizzati.

     

    “Realisticamente, la maggior parte degli esseri umani che necessita cure di questo genere, sono paralizzati da parecchio tempo” dice Dvir. “Nel nostro esperimento, abbiamo usato sia topi appena paralizzati che topi paralizzati da lungo tempo. Abbiamo avuto successo con entrambi e ci aspettiamo che l’impianto funzioni con gli esseri umani che sono stati paralizzati per lunghi periodi di tempo.”

    CONDIVIDI SU: