Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    EUROPA

    Due mesi dopo la sentenza Halimi, tanto fumo e poco arrosto

    Di Serena Di Nepi

    Al netto del gran numero di dichiarazioni politiche dopo le manifestazioni di aprile, non è chiaro quali saranno le sorti della norma che ha permesso l’ormai famigerata sentenza Halimi. Una decisione incomprensibileScioccando la Francia e gli ebrei di tutto il mondo, il 14 aprile la Corte di Cassazione ha confermato la non punibilità di K. Traoré, autore dell’efferato omicidio di Sarah…

    EUROPA

    Primo Ministro lituano: “Siamo abbastanza forti per affrontare il nostro passato”

    Di Noa Rakel Perugia

    All’inizio di giugno, in Lituania, si è tenuto un importante convegno storico dedicato alla memoria della Campagna di Russia durante la Seconda guerra mondiale, in memoria della professoressa Irena Veisaitė, una sopravvissuta della Shoah. Nell’occasione il Primo ministro lituano, signora Ingrida Šimonytė, ha detto che la Lituania è oramai sufficientemente forte per affrontare i fantasmi del passato, e ha sottolineato…

    EUROPA

    Budapest: dopo 150 anni riapre la sinagoga di Rumbach

    Di Silvia Haia Antonucci

    Dopo 150 anni dalla sua fondazione riapre la sinagoga di Rumbach nello storico ghetto ebraico di Budapest.La sinagoga fu costruita nel 1872, su progetto dell’architetto viennese Otto Wagner in stile moresco. Negli anni ’40, durante l’occupazione nazista, fu distrutta e abbandonata per decenni. Il presidente del Congresso ebraico mondiale Ronald S. Lauder, insieme alla Federazione delle comunità ebraiche ungheresi, MAZSIHISZ,…

    EUROPA

    Sulle radici dell’antisemitismo in Francia

    Di Claudio Procaccia

    Dodici sono gli ebrei uccisi in Francia perché ebrei dal 2003 al 2018. Sapere l’elenco dei loro nomi, aver vissuto momenti di angoscia e di lutto, aver conosciuto, fosse indirettamente, uno o una di loro rende difficile un approccio storico e non emotivo alla questione dell’antisemitismo in Francia. Si parte da un’esperienza, da un’infinita tristezza, da una forte preoccupazione. Mi…

    EUROPA

    Il comico Jackie Mason: “Morte, tasse e antisemitismo uniche costanti nella vita”

    Di Margherita Calabi

    Jackie Mason è molte cose. Per cominciare, il suo nome di nascita è Yacov Moshe Maza. E’ un cabarettista, un attore, un doppiatore e uno scrittore americano. Ed è ebreo. Nato in Wisconsin nel 1928, è figlio di quattro generazioni di rabbini. Il suo umorismo ficcante, spesso, oltre alla politica americana, ha come riferimento la religione ebraica. Pochi giorni fa,…

    EUROPA

    Antisemiti sotto mentite spoglie

    Di Michelle Zarfati

    Gelsenkirchen è una cittadina della Vestfalia in Germania, che non registra storicamente una presenza ebraica continua prima dell’800, e anche all’inizio del ventesimo secolo aveva raggiunto appena ca. 1100 anime,ma con una grande sinagoga officiata dagli ebrei riformati. La consolidazione numerica e sociale della comunità avvenne poco prima della presa di potere di Hitler e fu annientata seguendo il destino…

    EUROPA

    La Madrid ebraica e la resistenza attiva dello studio

    Di Giulia Favignana

    Cosa ci aspetteremmo faccia un maestro, un rabbi, un leader spirituale che stia vivendo i terribili e disperati giorni di una Gerusalemme assediata ed affamata dai Romani nel 70 E.V? Ci aspetteremmo un discorso infuocato che inciti alla ribellione, una disperata preghiera urlante verso il cielo, un gesto di sostegno per gli assediati?  Rabbi Yochanan ben Zakai non fece nulla di tutto…

    EUROPA

    Una chef a Londra tra passione e solidarietà

    Di David Zebuloni

    Cucinare è un atto d’amore. Forse è stato proprio questo il mood che ha spinto un piccolo gruppo di ebrei di Londra ad attivare una catena di solidarietà durante il periodo di pandemia per donare pasti negli ospedali inglesi. Loro non immaginavano però di raggiungere un successo tale da ricevere una lettera di ringraziamento dal primo ministro Boris Johnson.Si chiama “You…