Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Le commemorazioni in Israele per le vittime del 7 ottobre

    Martedì 7 novembre alle 11 in punto, in tutto
    Israele, è stato osservato un minuto di silenzio per ricordare le vittime
    dell’attentato dello scorso 7 ottobre. Subito dopo, le bandiere sono state
    abbassate con solennità a mezz’asta e si è cantato l’inno nazionale israeliano,
    l’HaTikva. Alle 18, nelle piazze maggiori delle città israeliane, sono state
    accese candele in memoria dei defunti.

    Lunedì sera, una cerimonia significativa si è svolta
    nella Sala della Memoria sul Monte Herzl, il sito in cui si trova il
    piùimportante cimitero militare di Israele. Sui mattoni sono stati incisi i
    nomi dei 394 soldati dell’IDF finora caduti in guerra, dei componenti della
    polizia, dello Shin Beth e dei membri delle squadre di sicurezza civili caduti
    coraggiosamente in battaglia per difendere il Paese. I volti degli ostaggi sono
    stati proiettati sulle mura della città vecchia di Gerusalemme.

    Anche presso la Bar Ilan Univerity è stata dedicata
    una speciale commemorazione agli ostaggi presi da Hamas, lasciando volare in
    cielo 242 palloncini gialli, uno per ogni ostaggio ancora prigioniero. Va
    notato che il colore giallo, come ricordato dal Times of Israel, attraverso
    fiocchi distribuiti ai partecipanti di alcune cerimonie che si sono tenute nel
    paese, richiama la campagna di sensibilizzazione del 2008, volta a sollecitare
    la liberazione di Gilad Shalit, il soldato detenuto da Hamas per quasi 6 anni,
    fino alla sua liberazione avvenuta nel 2011.

    CONDIVIDI SU: