Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Sam Altman, CEO di OpenAI: “Israele avrà un ruolo importante nella rivoluzione dell’intelligenza artificiale”

    Il CEO di OpenAI Sam Altman, in una visita lampo in Israele, ha parlato dell’importante ruolo che avrà lo Stato Ebraico nella rivoluzione dell’intelligenza artificiale. “La velocità con cui la comunità tecnologica e le startup in Israele stanno abbracciando l’IA è incredibile da guardare. Israele svolgerà un ruolo enorme” ha affermato il creatore di ChatGPT.


    Lunedì, Altman, insieme all’israelo-canadese Ilya Sutskever, capo scienziato di OpenAI, ha incontrato il presidente israeliano Isaac Herzog e ha visitato l’Università di Tel Aviv e gli uffici di Microsoft. 


    “Ci sono due cose che ho osservato che sono particolari in Israele: la prima è la densità di talenti e la seconda è l’implacabilità, la spinta e l’ambizione degli imprenditori israeliani”, ha detto Altman a un evento all’Università di Tel Aviv. “Queste due cose insieme sono ottimali per portare a un’incredibile prosperità sia in termini di ricerca che di applicazioni dell’IA”.


    Altman e Sutskever hanno discusso delle minacce e delle sfide che l’intelligenza artificiale e la superintelligenza porteranno in futuro e hanno risposto alle domande di studenti, data scientist, sviluppatori di intelligenza artificiale e professionisti high-tech. I due creatori di ChatGPT hanno inoltre hanno incoraggiato gli sviluppatori e gli imprenditori israeliani ad addentrarsi nel territorio inesplorato dell’IA. Tuttavia, hanno sottolineato la necessità di prendere sul serio le minacce esistenziali dell’intelligenza artificiale, consigliando di  creare un organismo di regolamentazione nel tentativo di limitare il potere di questa nuova tecnologia e quindi utilizzarla in modo responsabile. 


    Prima di visitare gli uffici israeliani di Microsoft, Altman e Sutskever, insieme ad altri membri della governance di OpenAI, hanno incontrato il presidente Herzog. Il presidente della società americana durante l’incontro ha rivelato al Capo di Stato che la visita in Israele è “molto speciale” per lui. Altman ed Herzog hanno discusso dei rischi e dei benefici dell’intelligenza artificiale e del rapido sviluppo della tecnologia. Il presidente israeliano ha espresso inoltre  il suo interesse personale nel condurre una discussione in Israele e nel mondo sull’etica e la moralità e altri aspetti della tecnologia. “Chiaramente accanto alle grandi opportunità, ci sono anche molti rischi per l’umanità e per l’indipendenza degli esseri umani in futuro”, ha osservato il presidente israeliano.


    Durante la visita al centro di ricerca e sviluppo di Microsoft Israel, Altman ha incontrato il direttore generale Michal Braverman-Blumenstyk e i dipendenti. “I progressi compiuti da OpenAI stanno guidando un progresso umano senza pari, paragonabile all’impatto della rivoluzione di Internet”, ha commentato Braverman-Blumenstyk. “Sono rimasto davvero colpita dalla dedizione di Sam nel promuovere l’uso responsabile dell’intelligenza artificiale per un cambiamento positivo”.


    All’inizio di quest’anno, Microsoft ha investito miliardi di dollari in OpenAI e ha iniziato ad aggiornare i suoi sistemi e le sue applicazioni integrando le funzionalità di ChatGPT nei suoi prodotti, incluso la piattaforma Teams e il motore di ricerca Bing. Si prevede inoltre di adattare l’app alla sua suite Office.


    In concomitanza con la visita di Sam Altman in Israele, il primo ministro Benjamin Netanyahu ha annunciato i piani per una politica nazionale sull’intelligenza artificiale, sia nella sfera civile che in quella della sicurezza. Netanyahu ha affermato di aver parlato domenica sera con Musk di Tesla della necessità che i governi comprendano sia le opportunità che i pericoli dell’intelligenza artificiale e che Israele si trasformi in un “attore globale significativo nel settore”. “Siamo all’alba di una nuova era per l’umanità, l’era dell’intelligenza artificiale”, ha detto Netanyahu. “Le cose stanno cambiando a un ritmo vertiginoso e Israele deve formulare una politica nazionale su questo tema”.


    CONDIVIDI SU: