Skip to main content

Ultimo numero Maggio-Giugno 2024

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Mondo

    La Columbia University rimuove tre amministratori per messaggi antisemiti

    Dopo mesi di occupazioni e tensioni, alla Columbia University il vento sta cambiando. Tre amministratori del college americano sono stati rimossi dai loro incarichi, dopo aver inviato degli sms contenenti “antichi luoghi comuni antisemiti” durante un forum sulle questioni ebraiche a maggio. Lo riporta il New York Times, che cita una lettera inviata lunedì dai funzionari della Columbia alla comunità universitaria.
    Gli amministratori risultano ancora dipendenti dell’ateneo, ma sono stati posti in aspettativa indefinita e non faranno ritorno ai loro incarichi. L’annuncio è arrivato circa un mese dopo che un sito web conservatore aveva pubblicato delle foto che mostravano alcuni dei messaggi di testo.
    La presidente della Columbia, Nemat Shafik, ha descritto i sentimenti espressi nei messaggi di testo come “inaccettabili e profondamente sconvolgenti, trasmettendo una mancanza di serietà riguardo alle preoccupazioni e alle esperienze dei membri della nostra comunità ebraica”.
    I messaggi, ha aggiunto, erano “antitetici ai valori e agli standard della nostra università”.
    I tre amministratori della Columbia coinvolti negli scambi di messaggi di testo sono Cristen Kromm, ex preside della vita studentesca universitaria; Matthew Patashnick, ex preside associato per il supporto agli studenti e alle famiglie; e Susan Chang-Kim, ex vicepreside e responsabile amministrativo.
    Anche Josef Sorett, preside del Columbia College, ha collaborato con gli amministratori allo scambio di testi, ma resterà al suo posto, come ha spiegato il rettore dell’università, Angela V. Olinto. “Il preside Sorett e io lavoreremo insieme per ricucire i rapporti, riparare la fiducia e ricostruire la responsabilità”, ha affermato. Anche Sorett ha scritto una lettera alla comunità della Columbia, in cui ha detto di riconoscere “che alcuni dei testi suggeriscono un apparente disprezzo per quanto riguarda l’impatto che l’aumento globale dell’antisemitismo ha avuto sul campus della Columbia”. Ha detto di essere “dedicato a guidare la comunità del College verso standard più elevati di professionalità e a ricostruire la fiducia”.
    La decisione di mantenere Sorett al suo posto probabilmente farà arrabbiare alcuni ex studenti e membri della comunità, che avevano firmato una petizione che chiede la sua estromissione dal ruolo di preside, scrivendo che lui e gli altri tre coinvolti nell’episodio di antisemitismo “non sono idonei a ricoprire il ruolo e dovrebbero essere rimossi immediatamente dai loro incarichi”.
    Lunedì l’università ha inoltre annunciato che a partire da questo autunno, studenti, docenti e personale della Columbia seguiranno la formazione obbligatoria contro la discriminazione, che comprenderà un’attenzione particolare all’antisemitismo.

    CONDIVIDI SU: