Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Moran Samuel vince l’argento a Tokyo. Israele conquista la quarta medaglia alle Paralimpiadi 

    La vogatrice Moran Samuel ha vinto oggi la quarta medaglia israeliana alle Paralimpiadi di Tokyo 2020, conquistando un argento nei 2.000 metri singoli femminili.

     

    Domenica, Samuel, di cui Shalom ha raccontato la storia, ha completato la gara in 11: 18.39, dietro alla norvegese Birgit Skarstein che ha vinto l’oro. Bronzo alla francese Nathalie Benoit. Parlando più tardi con Radio 103FM, Samuel si è detta felice di aver migliorato il suo bronzo di Rio.

     

    “Ho promesso ai miei figli che la mamma sarebbe tornata a casa con una medaglia”, ha Samuel. È stata una mattinata dura di canottaggio, con venti sfavorevoli che volevano impedirci di battere un record mondiale, ma alla fine è stata una buona gara con un buon risultato”.

     

    Il presidente Isaac Herzog si è congratulato con Samuel in una dichiarazione, definendola una “superdonna” e aggiungendo che “affronta in modo impressionante tutte le sfide della vita. Siamo orgogliosi di te, Moran!”

     

    Nel frattempo, il compagno di canottaggio Shmuel Daniel è arrivato sesto e ultimo nella finale di coppia maschile PR1 di coppia, così come la squadra di quattro membri di Israele nella finale dei 2.000 metri.

     

    Anche domenica, il nuotatore paralimpico israeliano Mark Malyar – che ha vinto una medaglia d’oro e ha battuto un record mondiale venerdì – ha superato nuovamente il record mondiale durante il round di 400 metri stile libero maschile (4:41,82) ed è avanzato verso le finali.

     

    Sabato, il nuotatore Ami Omer Dadaon, ha conquistato una medaglia d’argento nei 150 metri misti maschili. Dadaon ha concluso la gara nella categoria SM4 in 2 minuti e 29,48 secondi. Il russo Roman Zhdanov ha conquistato l’oro e il giapponese Takayuki Suzuki, il bronzo.

    Dadaon, 20 anni, ha una paralisi cerebrale. Sua madre Yafa ha detto a Channel 12 news: “Tutti sono felicissimi. Lui è il nostro orgoglio. Ha sempre creduto in sé stesso e ha sempre sognato una medaglia olimpica”. Ha sottolineato inoltre che Dadaon era destinato a competere in molte altre gare. “Speriamo tutti che torni con più medaglie”, ha concluso.

     

    Dadaon ha vinto tre medaglie d’oro ai Campionati Europei del 2021 in Portogallo, nelle gare di 50 m, 100 m e 200 m stile libero.

    Malyar, 21 anni, ha vinto la finale mista individuale dei 200 metri maschili nella categoria SM7 dopo aver terminato con il tempo di 2: 29.01. L’argento è andato all’ucraino Andrii Trusov, mentre il bronzo è andato al colombiano Carlos Serrano Zárate.

     

    È stata la seconda medaglia d’oro per Israele nel nuoto paralimpico in tre giorni, evento che non accadeva dal 2004. Il Maccabi World Union celebrerà oggi pomeriggio il suo centesimo compleanno, attraverso una diretta streaming. Tra i partecipanti all’evento il Presidente Itzhak Herzog, il Ministro della Cultura e dello Sport Carmel Shama Hacohen, il sindaco di Ramat Gan e gli atleti israeliani che hanno vinto alcune medaglie alle recenti Olimpiadi di Tokyo.

    CONDIVIDI SU: