Skip to main content

Ultimo numero Marzo-Aprile 2024

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Da Auschwitz a via dei Giubbonari 30, il ritorno di Settimio Limentani con Sami Modiano

    «Era la prima volta che arrivavo a
    Roma, avevo 14 anni. Settimio sperava di ricevere una bella notizia su suo padre
    David e suo fratello Angelo. Arrivammo a via dei Giubbonari 30. Fece un fischio
    per farsi sentire dalla famiglia. Non risposero al primo, ma al terzo. Poi le
    finestre si sono spalancate: ‘’Settimio, Settimio!’’
    »

    Con voce commossa
    il sopravvissuto ad Auschwitz-Birkenau Sami Modiano racconta l’arrivo in Italia
    dal campo di sterminio insieme a Settimio Limentani, il cui nome è stato inciso
    davanti alla porta dove arrivarono tanti anni fa. Lì, infatti, sono state
    apposte due pietre d’inciampo, in memoria sua e del padre David, che invece non
    riuscì a tornare. Una cerimonia breve ma profonda, alla presenza di parenti,
    amici e istituzioni comunitarie, per ricordare una storia di grande sofferenza,
    ma anche di un emozionante ritorno a casa.

    L’8 maggio
    1944, quando gli americani erano già alle porte di Roma, grazie ad una spiata
    Settimio fu catturato dai tedeschi, insieme a suo fratello Angelo e ad un loro
    amico, Angelo Tagliacozzo. Si erano nascosti sui tetti, ma, sotto la minaccia
    della deportazione della madre e delle sorelle più piccole, scelsero di
    consegnarsi. Furono portati prima al Commissariato di Piazza Farnese, poi a
    Regina Coeli e infine al campo di concentramento di Fossoli, dove partì il
    treno per Auschwitz. Prima dell’arrivo dei russi, Settimio si ammalò e venne
    lasciato in infermeria dai nazisti, convinti che sarebbe morto. Invece si
    riprese e sopravvisse fino all’arrivo delle truppe sovietiche, che aiutò per 8
    mesi nello scavare buche utili per difendersi sul campo di battaglia. Col tempo
    capì, però, che gli ebrei italiani non erano ben visti e, temendo la
    deportazione in Siberia, decise di fuggire, portando con sé delle cartine
    geografiche. A piedi da Cracovia raggiunse il confine italiano insieme a Sami
    Modiano. Da lì un treno che dopo qualche giorno li portò a Roma. Una volta
    arrivato in via dei Giubbonari 30, accolto dalla sua famiglia, il giovane
    romano apprese della morte del padre, assassinato alle Fosse Ardeatine.

    David
    riuscì a scampare al rastrellamento del 16 ottobre 1943 per caso: uscito la
    mattina presto per comprare le sigarette a Monte Savello, vide le camionette
    dei nazisti e intuì il pericolo, mettendo in salvo la famiglia. Da quel giorno,
    però, la situazione per gli ebrei che erano riusciti a fuggire si aggravò
    ancora di più. Bisognava nascondersi, ma anche continuare a vivere, procacciarsi
    del cibo, andare a lavorare con dei nomi falsi. Così faceva lui, peraltro con
    relativa tranquillità, avendo tanti amici nel quartiere. Il 16 marzo, però, fu
    individuato e catturato da alcuni conoscenti, che lo portarono a via Tasso. In
    seguito all’attentato partigiano di via Rasella, per rappresaglia (10 italiani
    per ogni soldato tedesco ucciso) fu mandato a morire alle Fosse.

    Non
    sopravvissero neanche suo fratello e il suo amico. Uno perse la vita ad
    Auschwitz, l’altro a Dachau. In loro memoria sono state installate due pietre
    d’inciampo nel 2011. Accanto ora ci sono anche quelle di David e Settimio. Sono
    state due delle decine di stolpersteine
    posate in questi giorni a Roma in diversi quartieri. Un segno semplice ma
    concreto, presente sulle strade di molte città europee per ricordare le persone
    trucidate nei campi di sterminio o comunque vittime della barbarie nazista.

    «Voglio ringraziare tutti coloro che
    hanno fatto in modo di ricordare queste persone – ha affermato Sami Modiano –
    Grazie a Dio, Settimio ha lasciato una bella famiglia, la vita continua. Che le
    nuove generazioni facciano in modo che quello che è successo a noi non accada
    mai più
    ».

    CONDIVIDI SU: