Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Tu beAv: la festa dedicata all’amore

    Oggi, 15 del mese di Av, corrispondente
    quest’anno al 2 agosto, ricorre Tu beAv, festa agricola e dell’amore.

    Il mese di Av per il popolo di Israele è un
    mese triste, ma anche una fase di consolazione. Il mese inizia infatti con il
    periodo di “Ben HaMetzarim”, i 21 giorni che intercorrono tra il 17 di
    Tammuz e Tishah BeAv (il giorno 9), in cui si digiuna in ricordo della
    distruzione del Bet HaMikdash da parte sia dei babilonesi nel 586 a.e.v che dei
    romani nel 70 e.v. Tuttavia, a metà del mese, il 15 appunto, cade la festa di
    Tu BeAv, con duplice valenza.

    Il significato di questa ricorrenza si può
    ritrovare nella Mishnà di Ta’anit: qui si racconta che ai tempi del Santuario,
    in questo giorno, insieme a quello di Yom Kippur, a Gerusalemme i ragazzi e le
    ragazze uscivano dai campi vestiti di bianco, danzavano e si incontravano per
    conoscersi e per unirsi in matrimonio.

    In una fase dell’antichità si verificò una
    spaccatura tra le tribù d’Israele, a causa della quale giovani di tribù diverse
    non potevano sposarsi tra loro. L’unica eccezione fu prevista proprio per il
    giorno di Tu beAv, diventata quindi anche simbolo di una riunificazione
    matrimoniale.

    L’altro aspetto riguarda la parte agricola.
    Questa era l’ultima data utile per tagliare la legna necessaria per cucinare,
    costruire case, riscaldare e per i sacrifici; da quel momento in poi si doveva
    dare agli alberi e alla natura un periodo di riposo, che sarebbe durato fino
    all’inizio del mese di Nissan, in primavera. Non a caso, la festa cade a
    distanza di sei mesi esatti da TuBishvat, il capodanno degli alberi. Inoltre, anticamente
    in questo giorno era fissata la festa della fine della vendemmia, come
    ricordano ancora oggi alcuni kibbutzim.

    La data di Tu beAv ha un’ulteriore valenza
    storica per la Comunità ebraica di Roma, in quanto ricorda l’inaugurazione del
    Tempio Maggiore avvenuta nel 1904 proprio in questo giorno.

    CONDIVIDI SU: