Skip to main content

Ultimo numero Marzo-Aprile 2024

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    “Larghe intese per la crescita della Comunità” – Intervista a Victor Fadlun

    Potrebbe configurarsi un governo di larghe intese, quello
    che immagina Victor Fadlun per i prossimi 4 anni di consiliatura della Comunità
    Ebraica di Roma. Fadlun, candidato presidente per Dor Vador, la lista che ha
    ottenuto il maggior numero di voti della Comunità ebraica della
    Capitale, punta ad una formazione di una nuova leadership che coinvolga le diverse anime degli Ebrei di Roma.

    Victor Fadlun, avete vinto le elezioni della Comunità
    Ebraica di Roma, con 51 voti in più. Di fatto adesso entrano in Consiglio 10
    candidati eletti di Dor Vador, 10 di Per Israele e 7 di Ha Bait. Come
    considera questo dato?

    Noi non rappresentiamo una realtà “storica” come le altre
    liste. È la seconda volta che Dor Vador si presenta alle elezioni, quindi
    siamo una realtà in crescita. Nell’ultimo governo avevamo 4 consiglieri, in questo ne avremo più del doppio. Il voto espresso dagli elettori indica la volontà diffusa nella
    nostra comunità di cambiare passo, mettendo in gioco professionalità e
    competenze. C’è una palese apertura al cambiamento verso nuove istanze di
    professionalità nella gestione della Cer. Credo che gli elettori abbiano
    premiato la nostra capacità di ascolto, in cui anche tra posizioni distanti si
    arriva ad un rispettoso dissenso e non ad uno scontro. Vogliamo rispettare e
    ascoltare tutti.

    Adesso affrontate la sfida di formare il governo della
    Comunità. Come pensate di procedere?

    Bisogna procedere parlando con tutti in modo rispettoso ed
    inclusivo, tenendo conto della storia e della tradizione della Cer e mettendo a
    disposizione le migliori competenze. Ma il dato di scarsa affluenza è causato
    da molte ragioni, forse più dal fatto che le persone vogliono sentirsi partecipi alla nostra comunità, essere incluse.
    In questo senso andiamo avanti, sempre avendo chiari i nostri principi.

     A quali principi fa riferimento?

    Ghemilut hasadim e aiuto degli ebrei in difficoltà, anzitutto. E poi siamo una comunità ortodossa e proprio per questo dobbiamo abbracciare tutte
    le persone che ne fanno parte. A volte scopriamo che le cose che ci uniscono
    sono più di quelle che ci dividono. Comunque per me il valore più importante rimane la crescita di questa Comunità, nel rispetto dei suoi valori. Abbiamo tutti voglia e diritto di riscoprire l’entusiasmo di farne parte attiva.
    Un altro valore, come abbiamo sempre ribadito, è Israele, nostro punto di riferimento assoluto e garanzia che certi episodi tragici mai torneranno.
    Crediamo che anche restando saldi nei nostri valori si possa avere un dialogo rispettoso con chi ha idee diverse da noi. Guardiamo all’altro con umiltà, non
    siamo giudici, c’è un solo Giudice per tutti noi.

    Nella delicata fase di formazione del governo, come
    metterete in gioco questi valori?

    Dobbiamo dare una svolta di miglioramento alla Comunità e
    per farlo immagino un governo con competenze e capacità, nel rispetto di
    ciascun ruolo e perseguendo l’unità, senza porsi con
    supponenza. Spesso mi sono sentito dire “Non hai capito, adesso ti spiego”
    invece vorrei che tra noi tutti ci rivolgessimo “Scusami, io la penserei in questo modo, ti va di
    ascoltarmi?”. È un approccio diverso, possiamo pensare in questa
    direzione.

     

     

    CONDIVIDI SU: