Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    “No antisemitismo, no terrorismo” – A Piazza del Popolo la manifestazione al fianco di Israele

    Dopo due mesi dalla manifestazione di solidarietà a Israele organizzata da Il Foglio sotto l’Arco di Tito, la Comunità Ebraica di Roma (CER) e l’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane (UCEI) hanno chiamato a raccolta istituzioni, cittadini e l’intera società civile per dire nuovamente e con più forza “no all’antisemitismo e no all’antisionismo”. Dal palco allestito nella grande Piazza del Popolo, i giornalisti Franco Di Mare e Raffaele Genah hanno moderato l’evento scandito da interventi dell’intero arco costituzionale, video toccanti, musica e introdotto dal messaggio di ringraziamento all’Italia da parte del Presidente dello Stato d’Israele, Isaac Herzog. “Non bisogna essere qui per noi, ma assieme a noi. Il terrorismo, specialmente quello che nasce dal fondamentalismo religioso, è il veleno che inquina i pozzi di tutti e non solo quelli da cui attingiamo noi” ha esordito la Presidente UCEI Noemi Di Segni. Così anche il Presidente CER Victor Fadlun: “L’antisemitismo non riguarda soltanto gli ebrei, ma tutti, perché infrange le fondamenta stesse della nostra civiltà. Il terrorismo è una minaccia per l’intera società e io voglio ricordare un bambino ucciso dall’odio antisemita, Stefano Gaj Taché. La nostra manifestazione si pone l’obiettivo di denunciare antisemitismo e terrorismo e di raccogliere attorno a questo messaggio tutte le fasce della popolazione civile che rappresentano il meglio della nostra Italia”. Una piazza colorata di bianco-blu, gremita di persone di tutte le età ma soprattutto animata da discorsi di pace, fratellanza e lotta all’odio antiebraico. Sono centinaia le bandiere di Israele, quelle con la stella di David sui colori arcobaleno, quelle d’Italia, ma anche tante fiaccole e cartelloni per mandare messaggi chiari e inequivocabili. Alcuni recitano “Liberi subito bambini e ostaggi israeliani”, “mai più è adesso”, altri “combatti l’antisemitismo” e “Jewish Lives Matter”. Per mandare un messaggio forte specialmente a chi in queste settimane ha manifestato senza mai ricordare le vittime del 7 ottobre: tutte le vite valgono, anche quelle israeliane. “Si scende in piazza per condannare, giustamente, la violenza sulle donne. Ma se queste sono israeliane o ebree allora non meritano attenzione – ha sottolineato il Rabbino Capo di Roma, Rav Riccardo Di Segni – C’è un meccanismo che colpevolezza l’oggetto e non il soggetto del trauma, che nega il diritto alla difesa, dove la compassione è lecita solo se ci si acconsente a farsi uccidere. La parola pace perde di senso senza un progetto”. Gli fa eco il Presidente del Senato, Ignazio La Russa, per il quale “la speranza della pace non viene meno ma deve essere una pace giusta che riconosca il diritto di esistenza di Israele”. Il susseguirsi di discorsi fa ben comprendere la misura di quanto la brutale aggressione di Hamas abbia mutato per sempre le sorti del mondo. C’è la voglia di giustizia e di pace, per un mondo liberale e garante dei diritti. Il vaccino all’antisemitismo spinge i tanti, molti non ebrei, a scendere di casa per ribadire che oggi è “mai più”, che non ci sarà una seconda Masada, che l’indifferenza non cederà il fianco a chi oggi minaccia gli ebrei e domani il mondo intero. “Chi se la prende con un neonato, una donna, un anziano non è un eroe ma un vigliacco. Hamas è il responsabile di quanto sta accadendo in Medio Oriente ed è responsabile anche delle sofferenze del popolo palestinese – tuona il Ministro degli Esteri, Antonio Tajani – Abbiamo fatto di tutto per liberare gli ostaggi nelle mani di Hamas, vogliamo che siano liberi, sono stati perseguitati solo perché ebrei, solo perché l’unica colpa è essere ebrei, ed è una vergogna”. A seguire il Vicepremier Matteo Salvini, che ribadisce “lunga vita a Israele”, e il Sindaco di Roma Gualtieri:” Questa città ha conosciuto gli orrori dell’antisemitismo e i crimini della Shoah. Importante non abbassare la guardia e contrastare ogni forma di antisemitismo, terrorismo e tutti quelli che mettono in discussione l’esistenza e la sicurezza dello Stato di Israele”. Forte preoccupazione giunge da un messaggio della senatrice Liliana Segre, che si dice angosciata “per tutti i bambini, che sono sacri senza distinzione di nazionalità o i fede, che soffrono e muoiono”.


    Le parole e il pensiero muovono le azioni. Esserci non significa solo manifestare solidarietà, ma agire concretamente per arginare l’odio e l’intolleranza. Lo ha spiegato il Ministro della Giustizia Carlo Nordio che “non bisogna inasprire pene che già esistono, ma occorre una migliore definizione del già presente reato di antisemitismo. Al di là della legge, conta l’educazione, la conoscenza la storia e la cultura”. Fra i membri del governo hanno preso la parola anche il Ministro alla Cultura Gennaro Sangiuliano e la Ministra per le pari opportunità Eugenia Roccella. Ma non solo l’Esecutivo, sul palco si è alternata l’intera componente parlamentare. “L’antisemitismo è l’indifferenza verso i morti ebrei” incalza il leader di Azione, Carlo Calenda, inviando poi un messaggio alle organizzazioni femministe che in questi giorni hanno sfilato fra le vie d’Italia:” Si organizzano manifestazioni per la violenza sulle donne non ricordando che Hamas sia il loro primo oppressore, mentre in Israele c’è una democrazia liberale che le tutela e garantisce loro l’uguaglianza. I nemici di Israele sono i nemici dell’occidente, chi odia Israele odia sé stesso”. Sulla stessa scia è intervenuta Maria Elena Boschi, deputata di Italia Viva, ribadendo che “i diritti o sono di tutte le donne o non sono di nessuno. Voglio dire grazie a chi è al fronte e combatte per loro sicurezza: perché combattono anche per la nostra sicurezza, per i nostri valori”. Da sotto il palco la Segretaria del Partito Democratico Elly Schlein è intervenuta ai soli microfoni dei giornalisti manifestando preoccupazione per il ritorno del forte antisemitismo in Europa, e così anche il Segretario del Movimento Cinque Stelle Giuseppe Conte che però ha voluto ribadire la sua avversione e quella del suo partito contro la politica israeliana.


    Ma ieri ha parlato soprattutto la piazza, che ha espresso il suo sostegno incondizionato allo Stato d’Israele: Israele ha il diritto di difendersi, per garantire la pace e neutralizzare definitivamente qualsiasi minaccia che attenti alla sua sicurezza. Enorme la commozione fra i presenti alla lettura dei nomi degli ostaggi, con l’emozione diventa incontenibile quando la cantante Shiri Maimon intona “Coming home”, l’augurio di vedere presto tutti gli ostaggi fare ritorno alle proprie case. C’era il mondo civile, a manifestare. Quello a presidio della democrazia e di tutte le libertà, per un futuro fatto di pace e di intransigenza nella lotta sempre costante ad ogni recrudescenza di antisemitismo e ogni forma di terrorismo.


    [GALLERY]

    Credit foto in galleria: Luca Spizzichino

    CONDIVIDI SU: