Skip to main content

Ultimo numero Marzo-Aprile 2024

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Lista Dor Va Dor – Il Programma

    IL PROGRAMMA DI DOR VA DOR

     

    CHI SIAMO

     

    Siamo un gruppo di ebrei, uniti in ideali ed obiettivi comuni per migliorare la nostra Comunità di Roma.

     

    I NOSTRI VALORI

     

    ·            Unità e coesione: la Comunità è unica, somma di realtà diverse ma accomunate dal medesimo senso di appartenenza alla stessa grande famiglia. Ci impegniamo a guidarla con una visione condivisa per costruire un futuro solido e duraturo per tutti.

     

    ·            Concretezza: agiamo con tempestività nell’attuazione delle nostre proposte e ci impegniamo ad ottenere risultati concreti, garantendo il diritto di verifica degli esiti ottenuti.

     

    ·            Collaborazione e dialogo: siamo costruttivi nel nostro approccio alle altre liste, promuovendo la collaborazione e il dialogo come strumenti per il progresso comunitario.

     

    ·            Solidarietà sociale: colonna portante della vita ebraica.

     

    ·            Israele: poniamo la vicinanza ad Israele come fondamento e valore imprescindibile della nostra identità.

     

    I NOSTRI OBIETTIVI

     

    ·            Giovani: formiamo i giovani, offrendo sostegno ed opportunità per individuare al meglio le loro potenzialità.

     

    ·            Tutela del patrimonio e contribuzione: ci impegniamo ad ottimizzare il reddito del patrimonio immobiliare e ridurre gradualmente i tributi sino ad arrivare alla loro trasformazione in contributi volontari.

     

    ·            Scelta tributaria: il contribuente potrà indicare come investire una parte del suo versamento.

     

    ·            Partecipazione attiva: vogliamo incentivare la partecipazione delle persone alla vita comunitaria.

     

    ·            Ascolto: desideriamo mettere al centro dei nostri obiettivi i bisogni e le aspettative degli ebrei di Roma (e dintorni).

     

    ·            Rappresentanza completa: ci impegniamo a rappresentare e considerare la voce di tutti i componenti della Comunità.

     

    TUTELA DEL PATRIMONIO

     

    La CER è proprietaria di un consistente patrimonio immobiliare, frutto in buona parte di donazioni e lasciti ereditari. A questi beni si aggiungono quelli di proprietà degli enti ebraici partecipati dalla CER, quali la Casa di Riposo ebraica di Roma e l’Ospedale Israelitico.

    Al netto degli immobili utilizzati per fini istituzionali (le scuole, i templi e le sedi istituzionali) e quelli ad uso abitativo, attualmente questi beni hanno un rendimento effettivo molto al disotto di quello di mercato.

    Dor Va Dor vuole avviare la riqualificazione e l’ottimizzazione del patrimonio immobiliare, volendo aumentare notevolmente le entrate, senza per questo dimenticare le finalità morali ed istituzionali per il quale tale obiettivo deve essere perseguito. L’incremento del reddito patrimoniale verrà perseguito attraverso il recupero dei beni esistenti, Dor Va Dor non intende dismettere o vendere immobili comunitari.

    L’ottimizzazione del patrimonio ci consentirà di implementare i servizi comunitari sociali, migliorare la gestione della scuola e delle Sinagoghe.

    Parte di queste nuove entrate, inoltre, potrebbero essere reinvestite per creare ulteriore valore ed entrate a lungo termine.

    Per giungere a questo risultato riteniamo sia opportuno creare ed organizzare un ufficio unico di Gestione dello Sviluppo Proprietà Immobiliari (GESPI).

    Il GESPI avrà il compito di eseguire accurate due diligence su tutto Patrimonio, reperendola documentazione amministrativa, urbanistica e catastale oggi purtroppo e quasi sempre nemmeno in formato elettronico, ma solo cartaceo. Andranno effettuati rilievi per tutti gli immobili, individuate eventuali difformità da sanare, scansionati ed archiviati tutti documenti, per creare archivio, ordinato e finalmente con rapidità, oggi inesistente. Ciascun immobile sarà esaminato sotto ogni profilo, compreso quello economico e finanziario. Le risultanze effettivamente applicate campo con azioni volte alla valorizzazione dei singoli cespiti. Le procedure di locazione dovranno attenersi a regole e procedimenti chiari e trasparenti, che garantiscano la massima evidenza pubblica, anche tramite utilizzo delle piattaforme informatiche disponibili.

    Per i cespiti di maggior valore si dovrà procedere con bandi pubblici idoneamente pubblicizzati, per garantire la totale assenza di conflitti di interessi da parte dei gestori e per ottenere canoni alle migliori condizioni di mercato possibili.

    A tal proposito, per scongiurare il rischio che interessi personali e professionali contrastino con l’indispensabile imparzialità che pretendiamo per noi stessi e per tutti quelli che si occupano di beni e servizi comuni (in tutti i settori oggetto di gestione comunitaria e non solo in quello patrimoniale), adotteremo un regolamento ed un codice etico per scongiurare il rischio che ciascun nostro componente, anche indirettamente per interposta persona, possa trarre vantaggio economico da tutte tali attività, e, più in generale, per evitare interferenze indebite e di conflitti di interessi.

    Non venderemo nessun immobile ma li faremo rendere al massimo.

     

    TRIBUTI

     

    Riduzione progressiva dei tributi comunitari e trasformazione in contributi volontari con conseguente eliminazione delle cartelle esattoriali.

    Dor Va Dor si impegna a destinare almeno il 10% del tributi ricevuti secondo le precise indicazioni del contribuente, permettendo a tutti di avere un ruolo attivo nelle scelte comunitarie e di influenzare l’allocazione dei fondi verso settori ritenuti personalmente prioritari.

     

    SCUOLA

     

    Vogliamo che la nostra scuola sia un faro di eccellenza, che prepari i nostri giovani a diventare adulti pronti a contribuire al progresso della nostra comunità. Le nostre proposte sono le seguenti:

    ●Formazione dei formatori: vogliamo investire nella formazione continua dei docenti e del personale scolastico con programmi di potenziamento professionale, incentivando l’aggiornamento delle competenze e del miglioramento delle metodologie didattiche.

    Intendiamo assicurare ai docenti contratti che garantiscano condizioni di lavoro soddisfacenti, inclusi salari competitivi, benefici adeguati.

     

    ●Valorizzazione e certificazione della lingua ebraica: sviluppo di programmi di studio avanzati, che preparino i nostri studenti al meglio per affrontare le certificazioni di lingua ebraica ed offrano loro un vantaggio competitivo nell’accesso alle più rinomate università israeliane.

    ●Certificazioni linguistiche: miglioramento dell’offerta dei corsi di preparazione per le certificazioni linguistiche internazionali, al fine di portare quest’ultime ad un livello superiore e permettere ai nostri studenti di acquisire un vantaggio in tali contesti.

     

    ●Lotta e tutela contro il bullismo e il cyberbullismo: casi di bullismo e il cyberbullismo non saranno più tollerati all’interno della nostra scuola. Azioni e fatti concreti per creare un ambiente scolastico sicuro e rispettoso per tutti gli studenti.

     

    ●Asili: proponiamo l’avvio di servizi di logopedia, psicomotricità e altre terapie necessarie per i bambini che presentano fragilità o difficoltà di sviluppo. Garantiremo a tutte le famiglie l’accesso a questi servizi.

     

    GIOVANI

     

    Dor Va Dor si propone portare avanti il lavoro già avviato negli ultimi quattro anni, focalizzandosi sulle esigenze e sui desideri dei giovani della comunità. Siamo consapevoli dell’importanza di investire nel futuro delle nuove generazioni

     

    Investimento in formazione e lavoro

     

    Vogliamo fornire ai giovani le competenze e l’esperienza necessarie per un ingresso di successo nel mondo del lavoro, indipendentemente dal percorso formativo scelto. Per coloro che non intendono proseguire gli studi universitari, offriremo orientamento verso corsi gratuiti basati sulle competenze richieste da l mercato del lavoro locale e nazionale.

     

    Intendiamo creare un assessorato specifico che si occuperà di collaborare con imprese locali, volto ad offrire servizi di orientamento professionale, accesso a bandi di concorso, workshop di sviluppo delle competenze e consulenza individuale.

     

    Per i giovani che scelgono invece di proseguire gli studi universitari, forniremo servizi dedicati alla ricerca di stage, tirocini e di opportunità di lavoro.

     

    Accompagneremo i giovani nel loro percorso formativo e professionale, favorendo incontri di lavoro e studio sia in Israele che in Europa. Questi obiettivi saranno finanziati mediante bandi europei, finanziamenti pubblici, istituti bancari e donazioni da privati e aziende.

     

    Ascolto e consapevolezza

     

    Il nostro impegno è quello di ascoltare e comprendere i bisogni dei giovani, fornendo supporto e servizi mirati per aiutarli a superare forme di disagio. Creeremo spazi sicuri in cui i giovani potranno esprimersi liberamente e ricevere supporto psicologico e sociale da professionisti esperti.

     

    Divertimento e aggregazione

     

    La reazione in un ambiente accogliente è dato alle esigenze dei ragazzi è fondamentale per promuovere un senso autentico di appartenenza e coinvolgimento nella nostra Comunità. Crediamo fermamente che organizzare eventi ricreativi in contesti stimolanti possa favorire la creazione di relazioni durature tra i giovani, offrendo così uno spazio in cui possano sentirsi a proprio agio e partecipare attivamente. Grazie alla stretta collaborazione con un gruppo di giovani, l’assessore ai giovani uscente Raffaele Rubin ha creato una community che connette oltre 1000 ragazzi sia online che offline. Attraverso Jewlead, l’organizzazione peri giovani adulti tra i 18 e i 35 anni, sono state organizzate attività di vario genere, tra cui eventi ludici, benefici, educativi e culturali. Inoltre, in questi anni l’Assessorato Giovani ha valorizzato il dipartimento educativo, che accompagna i ragazzi dalla prima infanzia sino alla pubertà, registrando ogni anno una crescita di oltre 100 partecipanti.

     

    Continueremo su questa rotta, consolidando e ampliando le iniziative già avviate: la nostra determinazione nel valorizzare e coinvolgere attivamente i giovani nella comunità rimarrà invariata. Aiuteremo con idee e risorse economiche i movimenti giovanili come l’Hashomer Hatzair e Bene Akiva affinché siano il punto di riferimento anche per chi non frequenta le scuole ebraiche.

     

    Sport

     

    Riconosciamo l’importanza dello sport e del divertimento come elementi chiave per coinvolgere i giovani. Pertanto, dedicheremo particolare attenzione a creare opportunità di partecipazione sportiva e di intrattenimento. Organizzeremo eventi sportivi, tornei ed attività ricreative che permettano ai ragazzi di esprimere le proprie passioni e talenti nel contesto dello sport. Sosterremo le iniziative giovanili dei movimenti Maccabi ed Eli Hay offrendo loro maggior sostegno economico.

     

    CULTO

     

    Il Rabbino Capo e la Rabbanut rappresentano il nostro riferimento morale e l’autorità religiosa della Comunità.

     

    I Templi di Roma sono un pilastro essenziale della vita ebraica, sociale, nonché un punto di ascolto per problematiche famigliari. Oltre ad essere luoghi di preghiera, rappresentano spazi di incontro e celebrazione per la comunità. Sono il luogo in cui festeggiamo eventi significativi come Milot, bar/bat mitzvah e rendiamo omaggio ai nostri cari.

     

    Il progetto di Dor Va Dor si propone di destinare alle Sinagoghe maggiori proventi, con l’obiettivo chiaro di potenziare le strutture esistenti. Inoltre, intendiamo investire in lezioni di Torah, eventi culturali, nonché́ facilitare gli incontri tra i frequentatori dei diversi Templi. In questo modo, le famiglie della Comunità̀ ebraica avranno l’opportunità̀ di conoscersi reciprocamente.

     

    Dor va dor si impegna ad ottenere la riqualificazione delle aree cimiteriali ebraiche dalle competenti autorità capitoline.

     

    KASHERUT

     

    Negli ultimi anni, il livello di kasherut a Roma è notevolmente aumentato, sia nel settore della macellazione che della ristorazione. A Roma è presente una varietà di ristoranti, servizi di catering e distributori di prodotti alimentari che offrono cibo e servizi kasher di alta qualità. Questo è un segno evidente che la Comunità è sempre più attenta alle regole alimentari. Ci impegniamo a certificare un numero maggiore di alimenti prodotti industrialmente, che attualmente sono considerati permessi ma che, attraverso controlli effettuati dai mashghihim, possono diventare kasher. Cercheremo di legare le produzioni già certificate esistenti nel territorio con collaborazione con le varie hasgahot.

     

    Il progetto di Dor va Dor prevede di formare un numero maggiore di mashghihim e shohatim: l’obiettivo è creare una squadra d’élite di professionisti italiani del settore, formati internamente, senza dover ricorrere a costose figure esterne difficili da reperire. Questo consentirà di calmierare i prezzi alla vendita e rendere i prodotti maggiormente accessibili a tutti.

     

    CULTURA

     

    Siamo fermamente convinti che la cultura ebraica sia una delle ricchezze più preziose della

     

    Nostra Comunità. Il museo ebraico è un’eccellenza del settore e intendiamo promuovere e organizzare più eventi per far conoscere ulteriormente la nostra cultura. Anche per questo motivo, ci impegniamo a promuovere l’arte ebraica in tutte le sue forme, creando opportunità uniche per scoprire e valorizzare i talenti interni che spesso rimangono sconosciuti. La Giornata della Cultura Ebraica diventerà un’occasione in cui artisti provenienti dalla nostra comunità avranno la possibilità di esporre le proprie opere e condividere il loro talento con il pubblico.

     

    Riconosciamo un ruolo predominante alla libreria Kiryat Sefer nella divulgazione della cultura, con la quale intendiamo collaborare per la promozione di talenti emergenti.

     

    Collaboreremo con musei internazionali per promuovere l’arte giudaica a livello globale.

     

    Attraverso partnership e scambi culturali, porteremo le opere d’arte ebraica di valore storico ed artistico presso prestigiose istituzioni internazionali.

     

    ISRAELE

     

    Siamo e resteremo sempre al fianco di Israele e del suo diritto di difendere la propria esistenza contro qualsiasi minaccia. Riconosciamo Israele come l’unico baluardo di democrazia e un modello di libertà nel Medio Oriente, nonché un rifugio per gli ebrei della diaspora.

     

    Il nostro è un impegno costantemente nel sostenere lo Stato di Israele in ogni circostanza, diffondendo i suoi valori di accoglienza, diversità sociale e le sue eccellenze. Supporteremo sempre lo Stato di Israele e la sua rappresentanza diplomatica in Italia contro ogni forma di antisemitismo mascherato da antisionismo o boicottaggio di prodotti e intellettuali israeliani.

     

    Continueremo a collaborare, come alcuni di noi già fanno, con associazioni, anche a livello internazionale, che si dedicano a difendere le ragioni di Israele attraverso mezzi legali.

     

    Garantiamo il sostegno alle famiglie che desiderano intraprendere il percorso di Aliyah in collaborazione con l’Agenzia Ebraica (Sochnut), fornendo loro il supporto necessario per un’esperienza di successo.

     

    Il nostro impegno nei confronti di Israele è saldo ed incondizionato, poiché riconosciamo il suo ruolo cruciale nella promozione dei valori di pace, democrazia e libertà. Continueremo a lavorare affinché Israele possa prosperare e mantenere le sue fondamenta solide, nel pieno rispetto dei suoi diritti e della sua sovranità.

     

    Intendiamo potenziare lo scambio culturale ed educativo con borse di studio e percorsi di formazione in Israele.

     

    UNA COMUNITA’ SICURA

     

    La vita ebraica, come la scuola, le funzioni religiose e i numerosi eventi di aggregazione, i campeggi estivi/invernali rendono la comunità di Roma una delle Keillot più attive nel panorama europeo.

    Nel mondo occidentale, non è scontato garantire un clima sereno, infatti le comunità sono sempre più esposte ad attacchi di antisemitismo oltre che al rischio dell’intensificarsi degli attacchi terroristici da parte di estremisti.

    La più grande sconfitta per qualsiasi comunità è quella di non poter vivere a pieno in libertà e sicurezza la propria esistenza perché minacciata da altri.

    Come reagiresti se qualcuno ti impedisse di non poter andare al Tempio perché non è sicuro?

    Reagire o Prevenire?

    La prevenzione è lo strumento migliore per assicurare la sicurezza delle nostre istituzioni, dei nostri eventi, di ogni luogo dove si svolge un evento ebraico.

    La salvaguardia della sicurezza per gli obiettivi sensibili richiede una serie di misure e strategie che coinvolgono diversi attori:

    ·       Le forze dell’ordine: mantenere attive e rafforzare le eccellenti relazioni con le Autorità che impiegano quotidianamente numerose risorse presso le nostre istituzioni.

    ·       La nostra sicurezza interna: implementare il numero necessario di dipendenti addetti alla sicurezza per garantire che ogni istituzione possa esserne provvista, investendo sulla formazione di nuovi addetti alla sicurezza da ricercare in primo luogo all’interno della nostra Comunità e offrendo contratti competitivi e certi (contribuendo così a creare nuovi posti di lavoro).

    ·       Volontariato: il loro contributo non è scontato, ricordiamo che un volontario è una persona che mette spontaneamente a disposizione del tempo e delle capacità per aiutare gli altri, assumendosi dei rischi. Se ciascuno di noi dedicasse poco del suo tempo il carico di lavoro sarebbe più sostenibile e non ci sarebbero istituzioni maggiormente esposte.

    ·       Tecnologia: dotiamo tutte le nostre strutture comunitarie delle necessarie tecnologie di sorveglianza e aggiorniamo i sistemi esistenti ove possibile.

    Ogni appartenente di questa Comunità: tutti noi che frequentiamo quotidianamente le aree di interesse comunitario possiamo essere d’aiuto semplicemente facendo notare qualcosa di ANOMALO. Infatti, deve considerarsi sospettosa e degna di attenzione e controllo qualunque situazione fuori dalla ROUTINE. Sarebbe opportuno offrire degli strumenti minimi a tutti gli appartenenti della comunità su alcuni principi di prevenzione e norme comportamentali in caso di pericolo effettivo. Intendiamo aggiornare le procedure di controllo e di comportamento in caso di emergenza e condividere le regole di comportamento in caso di pericolo con tutti i nostri iscritti.

     

    SOCIALE

     

    In questi ultimi anni molte, troppe, famiglie della comunità si sono piano piano impoverite. Tante professioni ed attività commerciali, un tempo esercitate con dignità e profitto non sono purtroppo più in grado di garantire la necessaria stabilità economica a tanti nuclei familiari. Pochi di noi sono consapevoli di queste situazioni, spesso sottaciute per vergogna. Servono una nuova mentalità e la consapevolezza di indispensabili programmi e progetti a media e lunga durata; destinare ingenti risorse per garantire un sostegno immediato a famiglie in difficoltà e categorie disagiate.

     

    Proponiamo di aumentare i fondi a disposizione della Deputazione Ebraica e creare uno sportello per la riqualificazione professionale ed il reinserimento nel mondo del lavoro. Utilizzo delle Sinagoghe e dei luoghi di aggregazione in genere per aumentare la presenza della Comunità e la capillarità su tutto il territorio.

    CONDIVIDI SU: