Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    IDEE - PENSIERO EBRAICO

    Dall'energia alla luce e alla vita. Intervista a Yarona Pinhas, studiosa di Cabbalà

    Di Edoardo Amati

    Yarona Pinhas è tra le poche donne al mondo studiose della Cabbalà. Nata in Eritrea, cresciuta in Israele, è saggista e autrice di volumi di grande valore spirituale. Con grande acume, finezza e felicità espressiva, rielabora immagini antiche che ci ripropongono concezioni teologiche ardite e illuminanti. Shalom l’ha incontrata per parlare di vita, di luce e di energia. La Cabbalà dice…

    IDEE - PENSIERO EBRAICO

    La farmacia di Hashem per nutrire la nostra anima: una lezione per Tu Bishvat

    Di Maurizio Vernassa

    Chani Hazan, nuora di Rav Yitzchak Hazan, fa parte della grande e calorosa famiglia dei Chabad di Roma. Con gioia ed entusiasmo, da tanti anni porta avanti numerose attività che arricchiscono la vita ebraica italiana. In occasione di Tu Bishvat – il capodanno degli alberi – la libreria Kiryat Sefer e il Centro di Cultura ebraica invitano tutti gli interessati…

    IDEE - PENSIERO EBRAICO

    Tutti i colori di Tu Bishvat, il capodanno degli alberi: ecco il ''seder''

    Di Michelle Zarfati

    Il calendario ebraico è ricco di festività che si muovono a loro volta, con le stagioni e l’agricoltura. Tu Bishvat, anche noto come il Capodanno degli alberi, è tra queste. Un momento in cui nell’ebraismo, di nuovo, le festività abbracciano la natura, celebrandola in tutte le sue forme. La festa cade il 15 del mese ebraico di Shèvat, da cui…

    IDEE - PENSIERO EBRAICO

    Parashà di Beshallàch: Le due uscite dall’Egitto

    Di Redazione

    La parashà inizia con queste parole: “Quando il Faraone mandò via  il popolo, Dio non li diresse sulla via che passava per il  paese dei Filistei anche se era la più breve; perché  Iddio pensò che se il popolo avesse visto combattimenti, avrebbe cambiato idea e sarebbe ritornato in Egitto” (Shemòt, 13:17).             R. Eliyahu Benamozegh (Livorno, 1823-1900), in Panìm la-Torà chiede per quale motivo nella Torà  è scritto “Quando il Faraone…

    IDEE - PENSIERO EBRAICO

    Parashà di Vaerà: La rovina di un’economia basata sulla schiavitù

    Di Redazione

    In questa parashà si legge il racconto di sette delle dieci piaghe d’Egitto. Prima dell’inizio delle piaghe l’Eterno fa sapere a Moshè che la liberazione dall’Egitto non sarà immediata. Nella parashà è scritto: “Tu comunicherai quello che  ti comanderò, ed Aharon tuo fratello parlerà al Faraone, dicendogli che lasci partire i figli d’Israele dal suo paese. Io renderò ostinato il cuore del Faraone, e moltiplicherò i…

    IDEE - PENSIERO EBRAICO

    Parashà di Shemòt: Cosa significa “Sarò quel che sarò”?

    Di Redazione

    In questa parashà viene descritto l’inizio della profezia di Moshè. Pascolando il gregge del suocero Yitrò, Moshè arrivò al monte Chorèv dove ebbe l’apparizione del roveto ardente e la sua prima  profezia. L’Eterno disse a Moshè  di tornare in Egitto per liberare il popolo d’Israele dalla schiavitù e condurli nella Terra Promessa ai loro padri. Moshè chiese all’Eterno come avrebbe risposto ai figli d’Israele…

    IDEE - PENSIERO EBRAICO

    Parashà di Vayechì: La grande mitzvà di accompagnare i defunti

    Di Redazione

    La  tefillà  della mattina inizia con una serie di berakhòt (benedizioni). Ve ne sono due prescritte prima di studiare Torà. Nella prima diciamo: “Benedetto tu o Signore, re del mondo, che ci hai santificato con le Suemitzvòt e ci hai comandato di dedicarci allo studio della Torà. Fa, o Signore nostro Dio, che le parole della tua Torà siano piacevoli a noi e al tuo…

    IDEE - PENSIERO EBRAICO

    Parashà di Vaigàsh: L’equivoco tra Yosef e i suoi fratelli

    Di Redazione

    La parashà si apre con le parole di Yehudà a Yosef. Yehudà aveva garantito al padre che avrebbe fatto tornare a casa Binyamin.  Ora invece Binyamin stava per essere condannato alla schiavitù per via della falsa accusa che aveva rubato la coppa di Yosef. R. Joseph Hertz (Slovacchia, 1872-1946, Londra), citò Walter Scott che definì il discorso di Yehudà "il modello più completo di genuina…

    IDEE - PENSIERO EBRAICO

    Il bue e l’asinello: origine e uso dei simboli

    Di Vittorio Robiati Bendaud

    La devozione popolare cristiana in Italia ha coltivato un uso natalizio speciale, quello del presepe, in cui si raffigura in vario modo la nascita. Le figure che sono presenti nella scena si richiamano alle storie evangeliche variamente interpretate e attualizzate. Tra queste c’è un dettaglio sempre presente, che ha in sé un contenuto polemico originario antiebraico, perlopiù ignorato e spesso…

    IDEE - PENSIERO EBRAICO

    Parashà di Mikètz: Yosef non era un Masaniello

    Di Redazione

    Yosef, malignato dalla moglie di Potifàr che lo accusa falsamente di aver cercato di insidiarla, viene gettato in prigione. Potifàr, pur non credendo alla moglie, deve salvarle la faccia. Yosef passa dodici anni in prigione. La Provvidenza non lo abbandona neppure là. Viene messo in una sezione della prigione dove sono incarcerati coloro che sono stati condannati dal Re. Così…