Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    IDEE - PENSIERO EBRAICO

    Parashà di Vaigash: Come portare buone notizie

    Di Redazione

    Dopo aver ritrovato Yosef e ricevuto da lui l’ordine di raccontare al padre che era vivo ed era il governatore d’Egitto, i fratelli avevano un grosso problema da risolvere. Come raccontare al vecchio padre Ya’akòv che Yosef era vivo senza che gli venisse un colpo e morisse.             La cosa non era facile. R. Moshè Alshich (Adrianopoli, 1508-1593, Safed) nel suo commento Toràt Moshè cita un…

    IDEE - PENSIERO EBRAICO

    Il digiuno del 10 di Tevet: un momento per riunirsi e pregare

    Di Redazione

    Il 10 di Tevet segna sul calendario ebraico un giorno di lutto, in quanto ricorda l’inizio dell’assedio babilonese a Gerusalemme, che portò alla prima distruzione del Bet haMikdash nel 586 a.e.v. Il digiuno viene annunciato lo Shabbat precedente citando le parole del profeta Zekharià (8:19): "Questi giorni di digiuno saranno per la casa di Yehudà di gioia e di allegria e…

    IDEE - PENSIERO EBRAICO

    IA, cybersecurity, privacy

    Di Redazione

    Il Rabbino Capo di Roma Riccardo Di Segni è intervenuto alla Farnesina durante l'incontro di tutti gli ambasciatori italiani sul tema dell’Intelligenza Artificiale e della Cybersecurity.Inaugurata solennemente da un intervento del Presidente della Repubblica Sergo Mattarella, l’iniziativa è stata seguita da questa prima sessione, dedicata appunto all’Intelligenza artificiale e alla Cybersecurity. Sono intervenuti il ministro degli Esteri Antonio Tajani, il…

    IDEE - PENSIERO EBRAICO

    Parashà di Mikètz: Yosef conosceva il proprio valore

    Di Redazione

    Yosef era stato chiamato dai fratelli “ba’al ha-chalomòt”, il sognatore. Che i suoi sogni fossero veri e che si realizzassero lo impariamo da questa parashà. Un altro dono naturale di Yosef era quello di sapere interpretare i sogni degli altri. Questo dono si rivelò utile quando fu rinchiuso nella prigione dove si trovavano i prigionieri del re.             R. Naftali Tzvi Yehuda Berlin (Belarus,…

    IDEE - PENSIERO EBRAICO

    Parashà di Vayèshev: Perché Yosèf insistette nel raccontare i suoi sogni?

    Di Redazione

    R. ‘Ovadià Sforno (Cesena, 1475-1550, Bologna) nel suo commento alla Torà afferma che Yosèf, nonostante fosse l’undicesimo fratello, istruiva i fratelli maggiori su come prendersi cura del gregge. È poiché era solo un ragazzo di diciassette anni, anche se era il più intelligente di tutti, peccò nel raccontare al padre gli errori dei fratelli e poi i suoi sogni. La sua…

    IDEE - PENSIERO EBRAICO

    Parashà di Vaishlàch: La guerra contro la città di Shekhèm

    Di Redazione

    Nella parashà è raccontato che “Ya’akòv, al ritorno da Padàn Aràm, giunse incolume alla città di Shekhèm nella terra di Canaan, e si stanziò di fronte alla città. Acquistò per cento monete d’argento dai figli (del re) Chamòr, padre di Shekhèm, la parte del campo dove aveva piantato la sua tenda. Là costruì un altare presso il quale proclamò Dio, è il…

    IDEE - PENSIERO EBRAICO

    STORIE DI MARITI VIOLENTI

    Di Redazione

    “Nel 1536, Shabbatai ben Rafael Duriel fece giuramento che non avrebbe picchiato o frustato la moglie Laura fino a che questa non avesse abbandonato la casa del padre, Shabbatai di Limentani, dove si era rifugiata durante un litigio matrimoniale per motivi di soldi. Ma una volta tornata, sarebbe stato liberato dal giuramento e avrebbe potuto «flagellarla nel modo in cui si…

    IDEE - PENSIERO EBRAICO

    Parashà di Vayetzè: Quando gli ebrei sono graditi

    Di Redazione

    La parashà inizia con le parole: “Ya’akòv uscì da Beer Sheva’ e si avviò verso Charàn” (Bereshìt, 28:10). Arrivato nei dintorni di Charàn, Ya’akòv si imbattè in un pozzo dove vi erano dei pastori con tre greggi in attesa dell’arrivo di altri greggi per poter rimuovere la pietra che copriva il pozzo ed abbeverare gli animali.             La conversazione tra Ya’akòv e i pastori…

    IDEE - PENSIERO EBRAICO

    Teologia e la vecchia storia dell’ebraismo vendicativo

    Di Redazione

    Tra gli orrori del pogrom del 7 ottobre, filmati dagli stessi terroristi, c’è un video che mostra una ragazza rapita, stuprata e ferita, portata a Gaza ed esibita come un trofeo sotto gli sguardi compiaciuti di una folla di uomini e donne (e nel silenzio successivo di tante organizzazioni femministe per le quali evidentemente non tutti gli stupri e i…

    IDEE - PENSIERO EBRAICO

    Parashà di Toledòt: Due nazioni e due popoli

    Di Ruben Vivanti

    Dopo vent’anni di matrimonio Rivkà, moglie di Yitzchàk, divenne incinta. La gravidanza era per lei penosa perché aspettava gemelli e nella Torà è scritto che “... i bambini si urtavano nel suo ventre; ed ella disse: Se così è, perché vivo? E andò a consultare l’Eterno.  E l’Eterno le disse: Due nazioni sono nel tuo ventre, e due popoli separati usciranno…